Immobili
Veicoli

SVIZZERANo, non stiamo risparmiando l'elettricità

23.09.22 - 15:11
Malgrado gli appelli del Datec e Simonetta Sommaruga, il consumo in Svizzera resta costante
Depositphotos (RasulovS)
Fonte Ats
No, non stiamo risparmiando l'elettricità
Malgrado gli appelli del Datec e Simonetta Sommaruga, il consumo in Svizzera resta costante

ZURIGO - In Svizzera il consumo di elettricità rimane stabile malgrado il rischio di una carenza energetica e gli inviti al risparmio. È quanto emerge da un esame dei dati disponibili realizzato da Keystone-ATS.

In base alle statistiche pubblicate questa settimana dalla società nazionale di rete Swissgrid, lo scorso mese di agosto il consumo di corrente è stato di circa il 2,5% inferiore rispetto alla media degli anni dal 2012 al 2021. Questo dato rientra nell'ambito delle normali fluttuazioni. Come già scritto Swissgrid è in grado di fornire i dati solo con un certo ritardo.

I dati forniti su richiesta dall'Azienda elettrica del canton Zurigo (EKZ), che si estendono a loro volta fino alla fine di agosto, mostrano un quadro simile. Dai dati più aggiornati dell'Azienda elettrica della città di Zurigo (EWZ), pubblicati quotidianamente a due giorni dall'ultimo rilevamento, risulta che a metà settembre nella città più grande della Svizzera non c'è stato un calo marcato, nonostante gli appelli al risparmio del Consiglio federale e il credito miliardario d'emergenza concesso al gruppo energetico Axpo.

Consumo di gas diminuito di un quinto

In vista dell'inverno, questo potrebbe avere un impatto negativo: quello che si risparmia oggi su elettricità e gas potrebbe infatti aiutare a gestire meglio un'eventuale situazione critica in materia di approvvigionamento in inverno.

Il consumo di gas in Svizzera è invece diminuito negli ultimi due mesi di circa il 20%. Le imprese sono le principali responsabili di questo calo, ha dichiarato oggi alla Neue Zürcher Zeitung Bastian Schwark, responsabile dei mercati per Swissgrid nonché esperto ingaggiato dal governo federale per far fronte alla crisi energetica.

Difficile prevedere come si svilupperà il consumo di elettricità nei prossimi mesi. Ci sono sicuramente segnali che indicano che le famiglie e le imprese vogliono risparmiare energia elettrica. La richiesta di consulenze da parte dei clienti è aumentata notevolmente, ha ad esempio dichiarato una portavoce di EKZ.

Elettricità: consumo complessivo costante

I cambiamenti di comportamento potrebbero essere attuati rapidamente, come ad esempio l'invito a condividere la doccia fatto dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga (PS). La sostituzione degli elettrodomestici e di macchinari ad alto consumo di elettricità da parte delle famiglie e delle aziende richiede invece più tempo.

A lungo termine, il consumo pro capite di elettricità in Svizzera è in leggero calo. Ma visto che la popolazione è in crescita, il consumo complessivo di corrente è praticamente costante. Le imprese consumano più della metà di tutta l'elettricità, le famiglie circa un terzo e il settore dei trasporti una quota di circa il 10%.

COMMENTI
 
Sarà 2 gior fa su tio
In che modo il credito miliardario d'emergenza concesso al gruppo energetico Axpo avrebbe potuto ridurre i consumi? In quanto a condividere la doccia, lo farei volentieri con la mia vicina di casa ma niente da fare.
Meck1970 3 gior fa su tio
arriva il freddo....
Sara788 3 gior fa su tio
ma smettetela di fare terrorismo per niente! prima il COVID poi i vaccini ora l'elettricità.... a furia di urlare al lupo per niente si perde di credibilità! Poi che sia il governo a riparare ai danni causati! non è stato mica il popolo a voler sanzionare la Russia!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA