Immobili
Veicoli

SAN GALLOAccecò il pilota di un Superpuma: «Ha agito inconsapevolmente»

09.05.22 - 16:15
È stato condannato soltanto per il possesso di un puntatore laser vietato l'autore del fatto avvenuto nel febbraio 2021
POLCA SG
Accecò il pilota di un Superpuma: «Ha agito inconsapevolmente»
È stato condannato soltanto per il possesso di un puntatore laser vietato l'autore del fatto avvenuto nel febbraio 2021

MELS - Nel febbraio del 2021 con un puntatore laser aveva accecato il pilota e il copilota di un Superpuma dell'Esercito svizzero. Un gesto che costa caro a un cittadino tedesco di trentacinque anni, ma soltanto per il possesso di un puntatore laser non autorizzato: oggi l'uomo è infatti stato condannato a una pena pecuniaria, sospesa, di 2'400 franchi (si tratta di 20 aliquote giornaliere da 120 franchi l'una). Il trentacinquenne ha infatti agito «inconsapevolmente», ha stabilito la Corte.

Allora il velivolo si trovava nei cieli del distretto di Sarganserland, nel Canton San Gallo, per un volo di addestramento. A un altitudine di circa duemila metri, l'equipaggio si era dovuto confrontare per diversi minuti con il raggio laser. Pilota e copilota erano riusciti a far atterrare l'elicottero in sicurezza. E poco dopo la polizia aveva identificato l'autore del gesto.

Autore che quest'oggi è comparso in tribunale a Mels (SG) per rispondere di tentate lesioni personali gravi, tentata interruzione del traffico pubblico e tentata interruzione del servizio militare. Interrogato sul fatto del febbraio 2021, ha fatto scena muta.

La difesa ne ha chiesto l'assoluzione, in particolare affermando che l'elicottero è atterrato senza problemi e che nessuno è rimasto ferito. «L'imputato non sapeva nemmeno se si trattasse di un elicottero, non era sua intenzione accecare qualcuno. Ha agito per negligenza, inconsapevolmente» ha detto il difensore. L'imputato avrebbe inoltre sofferto, allora, di un forte stress mentale dovuto al lockdown.

Per quanto riguarda invece il possesso di un puntatore laser vietato, l'avvocato ha affermato che questi si trovava nella borsa della sua ex ragazza. 

Nei confronti del trentacinquenne, l'accusa aveva invece chiesto una pena detentiva di otto mesi e una pena pecuniaria di 1'650 franchi, entrambe sospese, oltre all'espulsione dalla Svizzera per un periodo di cinque anni.

Il parere dello psichiatra

Signor Knecht, cosa spinge una persona ad accecare un pilota con un puntatore laser?
«Si tratta di compiere un atto rischioso a spese altrui. E anche di esercitare del potere sulla vita umana. Inoltre, l'autore di un gesto del genere prova un ingannevole senso di sicurezza. Vale anche in questo caso, in cui il trentacinquenne si trovava a oltre due chilometri di distanza dal velivolo».

Un uomo adulto non dovrebbe conoscere le conseguenze di un gesto del genere?
«A trentacinque anni si è troppo vecchi per uno stupido scherzo da ragazzini. Ma l'età non è un indicatore di maturità mentale. Ci potrebbe essere un disturbo di personalità».

*Thomas Knecht è psichiatra forense

NOTIZIE PIÙ LETTE