Immobili
Veicoli
deposit
VAUD
08.12.2021 - 15:520
Aggiornamento : 18:49

A bere con le allieve, confermata la revoca dell'insegnamento

Per l'Alta Corte il funzionario pubblico «non è più degno di rimanere in carica».

L'insegnante era andato con due allieve maggiorenni in una discoteca, dove aveva ordinato una bottiglia di vodka.

LOSANNA - Il Tribunale Federale (TF) conferma la revoca dall'insegnamento di un professore che aveva dormito nello stesso letto di due studentesse dopo un'uscita in discoteca in cui avevano alzato troppo il gomito.

Per l'Alta Corte il funzionario pubblico «non è più degno di rimanere in carica».

Il Dipartimento dell'Educazione Pubblica di Ginevra aveva fatto ricorso in primavera contro una decisione della Camera Amministrativa della Corte di Giustizia che ordinava la reintegrazione dell'insegnante. I fatti per i quali era stato licenziato risalgono all'aprile 2019, durante un viaggio di studio a Barcellona.

L'insegnante era andato con due allieve maggiorenni in una discoteca, dove aveva ordinato una bottiglia di vodka. Una volta tornati in albergo, nelle prime ore del mattino, le due ragazze, che avevano bevuto troppo, non sono riuscite ad entrare nella loro stanza perché era chiusa a chiave. L'insegnante si è allora offerto di ospitarle e hanno dormito tutti nello stesso letto senza che vi siano stati senza gesti inappropriati.

Per la corte ginevrina «le mancanze constatate hanno avuto luogo in un breve lasso di tempo e sono tutte derivate da una decisione iniziale sbagliata, cioè quella di andare in discoteca con due allieve», mentre il Tribunale Federale considera che vi sia stata «una successione di trasgressioni distinte l'una dall'altra». La loro gravità sta nell'«assoluta incompatibilità con la funzione di insegnante».

Anche se gli altri viaggi di studio si erano svolti senza problemi e l'insegnante non aveva precedenti disciplinari, si è macchiato comunque di gravi mancanze «sufficienti di per sé a giustificare la revoca dall'insegnamento», scrive il Tribunale federale, annullando la decisione della Camera amministrativa di Ginevra.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-21 15:23:17 | 91.208.130.87