Immobili
Veicoli

VAUDAssassino freddo e calcolato o colto da un raptus?

04.03.16 - 08:07
Il processo di Claude D., accusato di aver ucciso Marie nel 2013, si apre lunedì. Accusa e difesa si daranno battaglia sulla qualificazione del reato
Assassino freddo e calcolato o colto da un raptus?
Il processo di Claude D., accusato di aver ucciso Marie nel 2013, si apre lunedì. Accusa e difesa si daranno battaglia sulla qualificazione del reato

LOSANNA - Assassino o omicidio? Claude D., accusato di aver ucciso una giovane donna di 19 anni, sarà processato davanti al Tribunale penale a Renens (VD). Il dibattimento, che dovrebbe durare una decina di giorni, avrà inizio lunedì. E se è quasi certo che il procuratore generale, Eric Cottier, chiederà l'ergastolo e l'internamento a vita per l'uccisione della donna, la difesa cercherà di sostenere che l'omicidio premeditato e la perversione non sono dimostrati.

L'atto d'accusa di una ventina di pagine, scritto dal procuratore generale, spiegherebbe come tutto sia iniziato con uno scambio virtuale tra la giovane donna e un potenziale cliente: una questione di prestazioni sessuali e prezzi, nessun discorso affettivo.

"Questo processo sarà l'occasione per mostrare i nonsense di questa vicenda", spiega Loïc Parein, uno degli avvocati del killer di quasi 40 anni.

L'uomo, che ha confessato subito l'omicidio, è stato spesso presentato come un predatore sessuale. C'è un dato di fatto: non vi era alcuna relazione sessuale tra Marie e Claude D. il giorno in cui l'ha strangolata con la cintura nella sua piccola Toyota, non lontano dal campo da Payerne (VD).

Ci sarebbe stato comunque uno scambio di baci e di carezze, ma non è possibile dire se Marie abbia gradito il suo abbraccio. Claude D. dice di sì.

Che cosa è successo allora per far scattare l'ira dell'uomo? Nessuno lo sa. L'imputato spiega di essersi lasciato prendere dal panico quando un terzo uomo è intervenuto insistendo per parlare con Marie, incontrata per caso, ha detto. L'uomo, agli arresti domiciliari, avrebbe avuto paura che la polizia lo scoprisse e lo facesse tornare in prigione. Marie, a quel punto, ha trovato il suo tragico destino.

La giustizia condanna anche varie infrazioni commesse da Claude D. dopo aver deposto il corpo di Marie in un bosco a Chatonnaye (FR).

"Volevo uccidermi in un incidente stradale", ha dichiarato l'imputato, che si è andato a schiantare con la sua auto durante un inseguimento con la polizia, supportata da un elicottero. L'uomo è miracolosamente uscito illeso dallo scontro, nonostante la terribile sbandata e i colpi esplosi verso il veicolo dai poliziotti.

Claude D., come se non bastasse, ha un passato criminale importante. Nel 1998, ha rapito, violentato e ucciso la sua ragazza con cinque colpi alla testa. E' stato condannato a 20 anni di carcere nel 2000. E avrebbe dovuto essere rilasciato nel 2018, anche se nel 2012 aveva avuto ottenuto i domiciliari. Ha incontrato Marie nel marzo 2013, sui social network. La ragazza lavorava come cameriera a Payerne. Avevano avuto un primo incontro sessuale il 1° maggio, come si era vantato sul web. Il dramma è avvenuto il 13 maggio.

NOTIZIE PIÙ LETTE