Cerca e trova immobili

SVIZZERAVietato il commercio di strumenti di tortura

13.06.24 - 10:16
Il Consiglio nazionale ha dato il via libera alla nuova legge con 129 voti contro 59.
Deposit
Fonte Ats
Vietato il commercio di strumenti di tortura
Il Consiglio nazionale ha dato il via libera alla nuova legge con 129 voti contro 59.

BERNA - Il commercio transfrontaliero di merci utilizzabili per la pena di morte o la tortura sarà oggetto di controlli più severi. Lo prevede una nuova legge in materia adottata oggi dal Consiglio nazionale con 129 voti contro 59 e 4 astenuti.

«La legge sugli strumenti di tortura - ha spiegato il relatore commissionale Raphaël Mahaim (Verdi/VD) - permette di adempiere a una raccomandazione del Consiglio d'Europa. Essa riprende a sua volta in larga parte il regolamento anti-tortura emanato nel 2005 dall'UE.

La nuova legge - È vietata l'importazione, l'esportazione e il transito delle merci che possono essere utilizzate soltanto per la pena di morte, la tortura o altri trattamenti o pene crudeli, inumani e degradanti. Sono impedite pure la fornitura di assistenza tecnica e la pubblicità.

Eccezioni - Invece le merci che, pur potendo essere usate a questi scopi, possono avere anche altri impieghi, sono soggette a un nuovo obbligo di autorizzazione, che si applica anche all'assistenza tecnica e ai servizi di mediazione che le concernono. Infine, l'attuale controllo all'esportazione dei medicamenti utilizzabili per le esecuzioni capitali non è più soggetto alla legge sugli agenti terapeutici, bensì a quella nuova.

Politica - Da notare che una minoranza UDC ha bocciato la legge poiché a suo avviso il quadro giuridico attuale è sufficiente. «Non si può certo dire che la Svizzera sia un centro dove si riforniscono i torturatori di tutto il mondo», ha sostenuto Manfred Bühler (UDC/BE). La sua proposta di non entrata in materia è però stata bocciata con 120 voti contro 62.

Il dossier passa ora all'esame del Consiglio degli Stati.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE