Cerca e trova immobili

SVIZZERAAgricoltori a rischio anche in Svizzera, «necessario un segnale subito»

30.01.24 - 13:20
Francis Egger, vicepresidente dell'Unione dei contadini dice no ai blocchi come in Francia e Gemania ma chiede interventi.
Ti-Press
Fonte Ats
Agricoltori a rischio anche in Svizzera, «necessario un segnale subito»
Francis Egger, vicepresidente dell'Unione dei contadini dice no ai blocchi come in Francia e Gemania ma chiede interventi.

BERNA - «La rabbia serpeggia anche nelle campagne svizzere, e da diversi mesi», ha detto Francis Egger, vicepresidente dell'Unione svizzera dei contadini (USC) citando quanto sta avvenendo i Germani Francia e Belgio con i cortei di protesta degli agricoltori per fare valere le proprie rivendicazioni. «Stiamo vivendo lo stesso malessere agricolo in Svizzera, Germania e Francia», ha dichiarato a Keystone-ATS il friburghese.

«Il problema è lo stesso: redditi insufficienti e in calo che non coprono i costi di produzione», spiega Egger. A ciò si aggiunge il sovraccarico amministrativo del settore agricolo. Il risultato finale è «lo sgomento. Facciamo sempre di più e siamo sempre criticati».

Le richieste - La cosa più urgente per l'agricoltura svizzera è migliorare la situazione economica, afferma il vicepresidente dell'USC. «Lavoriamo per una media di 17 franchi l'ora. Dobbiamo offrire prospettive per il futuro, soprattutto ai giovani». Per quanto riguarda il sostegno della Confederazione, le esigenze aumentano ma i contributi non cambiano.

«Dobbiamo reagire rapidamente e dare un segnale alle famiglie di agricoltori. L'intero settore risente della pressione sui prezzi. Dobbiamo chiederci se la responsabilità è dei supermercati o dei consumatori. Ci troviamo in una situazione in cui l'acquisto di prodotti con marchio sta diminuendo a favore di prodotti di fascia bassa a prezzi bassi. È una responsabilità collettiva».

Il mercato deve funzionare con prezzi che coprono i costi di produzione: "A lungo termine, non possiamo produrre in perdita". Il Consiglio federale intende tagliare 347 milioni di franchi dal credito quadro 2026-29 per l'agricoltura. "È inaccettabile in un contesto di aumento delle esigenze", afferma Egger.

"Microgestione" - La politica agricola è diventata più complessa «è diventato insostenibile, a un livello di microgestione in cui agli agricoltori viene quasi detto a che ora devono svegliarsi la mattina per andare a mungere le mucche».

Anche in Svizzera c'è il rischio che gli agricoltori blocchino le strade con i loro trattori, ammette Egger. «Ma credo che ci rimetteremmo. In Svizzera abbiamo una cultura del dialogo. In secondo luogo, il sistema democratico ci permette di andare a votare e i cittadini hanno sostenuto l'agricoltura nell'ultima votazione sul settore», sottolinea. «Dobbiamo mantenere questo sostegno e rispettare la legge».

«Al momento siamo in una bolla mediatica, ma dobbiamo lavorare per il medio e lungo termine. Ma ora abbiamo bisogno di un segnale per dire 'vi abbiamo ascoltato, lavoreremo per migliorare le entrate e semplificare l'amministrazione»", conclude Egger.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE