Cerca e trova immobili

SVIZZERAÈ morta Elisabeth Kopp, prima consigliera federale donna

14.04.23 - 15:18
Aveva 86 anni. È stata la prima donna a sedere nel Governo
Getty
È morta Elisabeth Kopp, prima consigliera federale donna
Aveva 86 anni. È stata la prima donna a sedere nel Governo

BERNA - Dopo una lunga malattia, è morta all'età di 86 anni l'ex consigliera federale Elisabeth Kopp.

Prima donna a sedere in Governo, è deceduta lo scorso Venerdì Santo. «Durante la sua carriera politica, l'esponente zurighese del PLR si è impegnata in modo particolare per l'uguaglianza tra i sessi», sottolinea l'esecutivo in una nota odierna.

«Un punto di svolta per l'uguaglianza fra i sessi»

«Quando, il 2 ottobre 1984 - scrive il governo - il Parlamento la elesse nel Consiglio federale al primo turno, la sua elezione non fu soltanto un’occasione di gioia personale per l’esponente zurighese del PLR, ma segnò anche un punto di svolta per l’uguaglianza tra donna e uomo in Svizzera: 13 anni dopo l’introduzione del suffragio femminile, per la prima volta nella storia una donna entrava a far parte del Governo federale».

Durante gli studi di diritto all’Università di Zurigo, la repressione della rivolta popolare in Ungheria del 1956 spinse la giovane studentessa a impegnarsi per i rifugiati, la democrazia e i diritti umani. Fra i temi a lei più cari ricordiamo la tutela dell’ambiente, la parità di trattamento delle donne e, in particolare, il suffragio femminile.

Tutto partì dal consiglio comunale di Zumikon

«La carriera politica di Elisabeth Kopp era iniziata con l’elezione nel Consiglio comunale di Zumikon (ZH) - continua la nota dell'esecutivo - di cui divenne sindaco qualche anno dopo. Nel 1979 entrò in Consiglio nazionale e nel 1984 fu, dapprima, eletta vicepresidente del PLR Svizzera e in seguito consigliera federale. In seno al Governo federale, rilevò il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), che guidò con dedizione e professionalità».

Sotto la sua direzione, la Svizzera poté beneficiare di una nuova legge che consentiva di trattare più rapidamente le domande d’asilo. Si pronunciò chiaramente contro l’iniziativa popolare «Per la limitazione delle immigrazioni», bocciata poi alle urne nel 1988. Anche durante il suo mandato come consigliera federale, si adoperò per la parità di trattamento delle donne, in particolare per la revisione del diritto matrimoniale.

Nel 1988 si apprese che Elisabeth Kopp aveva telefonato a suo marito chiedendogli di dimettersi da una ditta sospettata di essere coinvolta in un affare riciclaggio di denaro. La pressione pubblica fu tale da indurla a ritirarsi dal Consiglio federale nel 1989, benché avesse sempre negato qualsiasi responsabilità morale o giuridica. Un anno più tardi il Tribunale federale la prosciolse dall’accusa di violazione del segreto d’ufficio.

Le dimissioni nel 2004

Dopo le sue dimissioni, Elisabeth Kopp si ritirò per diversi anni dalla vita pubblica. «In seguito non mancò di esprimersi in modo specifico su questioni che le stavano a cuore. Nel 2004 si impegnò, ad esempio, per l’introduzione dell’assicurazione maternità. La parità di genere fu per lei un tema importante, che trattò nelle conferenze e nei dibattiti cui prese parte ancora negli ultimi anni. Incoraggiò inoltre le donne a impegnarsi in politica».

Due anni fa, «per il 50° anniversario dell’introduzione del diritto di voto alle donne, Elisabeth Kopp ebbe l’occasione di rievocare il suo impegno politico durante l’università. Raccontò che un compagno di studi le aveva chiesto il motivo del suo impegno per il suffragio femminile, facendole notare che era pur sempre una donna normale. Appunto per questo, gli aveva risposto lei. Oggi – commentò in quell’occasione – per le sue nipoti è una cosa naturale partecipare alla vita politica: ed è giusto che sia così».

Il PLR: «La notizia ci addolora. Condoglianze alla famiglia»

«La notizia della scomparsa dell'ex consigliera federale Elisabeth Kopp è motivo di grande tristezza per tutti noi». A dirlo è il PLR con una nota. «Con Elisabeth Kopp la Svizzera perde una politica che ha sempre lavorato per la causa liberale con grande impegno, cuore e anima. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e ai parenti.».

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE