Immobili
Veicoli
TiPress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
45 min
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
1 ora
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
LUCERNA
4 ore
Dopo l'alterco cade nel vuoto, muore un 61enne
Una lite ha preceduto i fatti, la polizia sta ancora indagando per chiarire le circostanze dell'indicente.
FRIBURGO
6 ore
In centinaia a una festa techno illegale
La musica ad altissimo volume che rimbombava da una cava di Montagny-les-Monts ha infastidito non poco i residenti.
FOTO
SOLETTA
6 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
6 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA / REP. CECA
6 ore
Ignazio Cassis ricevuto da Milos Zeman
Il presidente della confederazione e quello ceco hanno discusso di relazioni diplomatiche e di Ucraina.
SVIZZERA
7 ore
Più lavori "verdi" per la svolta energetica
Un sondaggio effettuato dall'azienda Stiebel Eltron rimarca l'interesse verso i lavori legati alle tecnologie verdi.
SVIZZERA
7 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
Grigioni
13.05.2022 - 15:140

Tribunale federale annulla il rifiuto di una naturalizzazione

Il comune grigionese di Zillis deve rivedere la sua decisione contro la domanda di un cittadino tedesco.

COIRA - Il Comune di Zillis deve rivedere il suo rifiuto della naturalizzazione a un cittadino tedesco. Il Tribunale federale (TF) ha stabilito che la decisione non era sufficientemente giustificata. Il candidato è sospettato di essere vicino al movimento tedesco di estrema destra dei "Reichsbürger".

Nel 2018 il cittadino tedesco che chiedeva di essere naturalizzato a Zillis-Reischen (GR) era stato visto nella trasmissione "Rundschau" di SRF mentre partecipava a una riunione organizzata dal "Reichsbürger", un movimento di estrema destra che non riconosce l'autorità della Repubblica Federale di Germania. Secondo quanto aveva scritto la "Südostschweiz", nel giugno dello scorso anno durante l'evento erano state negate le vicende legate all'Olocausto.

Dopo la presentazione della candidatura di naturalizzazione, si erano svolti i colloqui presso Ufficio della migrazione e del diritto civile dei Grigioni (UMG). In questo ambito era emerso uno scritto in cui lo si accusava di essere vicino agli ambienti dei Reichsbürger, siccome aveva partecipato al presunto evento.

I Reichsbürger sostengono che la repubblica federale tedesca non è in realtà uno stato, ma un'azienda. Non riconoscono le sue leggi e le sue autorità e talvolta si oppongono violentemente alle misure statali. Inoltre, hanno relazioni con altri gruppi di estrema destra.

L'UMG aveva nutrito forti dubbi sull'integrazione dell'uomo dal punto di vista del rispetto dei valori della Costituzione federale svizzera. E si era quindi opposto alla sua naturalizzazione.

Il Comune patriziale ne aveva discusso successivamente con il candidato al passaporto rosso-crociato ed era giunto alla conclusione che non aveva fatto nulla di male. Il rapporto dell'UMG aveva tuttavia fatto sorgere seri dubbi e i patrizi del Comune di Zillis-Reischen nel marzo del 2020 gli avevano negato la naturalizzazione senza alcuna discussione.

Nessuna discussione - nessuna fondatezza

Da parte sua il denunciante sostiene che durante l'Assemblea patriziale non vi era stata nessuna discussione e che la Sovrastanza patriziale del Comune di Zillis aveva sostenuto in linea di principio la naturalizzazione. In mancanza di motivi validi, i cittadini patrizi hanno quindi violato il suo diritto a essere ascoltato.

Il Tribunale amministrativo dei Grigioni aveva respinto il ricorso nel 2021, sostenendo che la Sovrastanza patriziale del Comune Zillis nutriva dei dubbi sulla candidatura fin dall'inizio e che quindi non sorprendeva il rifiuto da parte dei votanti. In occasione dell'assemblea era stato presentato anche il rapporto dell'UMG e il cittadino germanico aveva successivamente ricevuto una motivazione scritta.

Nella sentenza pubblicata oggi, il TF ha criticato il rifiuto della domanda di naturalizzazione e ha annullato la sentenza del Tribunale amministrativo perché ritiene che una giustificazione emanata a posteriori non sia sufficiente. Secondo la corte suprema con sede a Losanna occorre chiarire gli elementi che avevano motivato il rifiuto in occasione dell'Assemblea patriziale, che in questo caso mancavano.

Ora la questione deve essere nuovamente presa in esame dall'Assemblea patriziale. Al ricorrente spettano 4'000 franchi a titolo di risarcimento per pagare il procedimento del Tribunale federale.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 23:39:37 | 91.208.130.87