Immobili
Veicoli

SVIZZERALa Protezione civile per dar man forte alla SEM

06.04.22 - 14:12
Il Consiglio federale ha deciso di chiamare in servizio i militi per l'alloggiamento d'emergenza dei profughi.
Keystone
La Protezione civile per dar man forte alla SEM
Il Consiglio federale ha deciso di chiamare in servizio i militi per l'alloggiamento d'emergenza dei profughi.
Finora il Consiglio federale aveva fatto capo al sostegno della Protezione civile soltanto per affrontare l'emergenza coronavirus.

BERNA - Il Consiglio federale ha deciso oggi di ricorrere all'aiuto della Protezione civile per sostenere la Segreteria di Stato della migrazione (SEM). L'esodo innescato dalla guerra in Ucraina pone infatti le strutture dell'asilo in Svizzera dinanzi a grandi sfide. La Protezione civile fornirà assistenza alla SEM nell'alloggiamento d'emergenza dei profughi.

Dall'introduzione dello statuto di protezione S per i profughi ucraini il 12 marzo 2022, i centri federali d'asilo (CFA) registrano tra i 700 e i 1400 arrivi al giorno (finora ne sono stati registrati in tutto 25'626). Le autorità cantonali e federali sono chiamate a registrare rapidamente queste persone ed esaminare le loro domande, ma anche ad alloggiarle e assisterle.

Prima il Covid, ora la SEM - Il Consiglio federale - ricordiamo - può chiamare in servizio i militi della Protezione civile in caso di catastrofi e situazioni d'emergenza che colpiscono più Cantoni o l'intera Svizzera. Oggi ha deciso di far ricorso a questa possibilità per sostenere la SEM. Il Collegio governativo ha autorizzato la chiamata in servizio dei militi della Protezione civile fino al 31 ottobre 2022 con un contingente massimo di 24'000 giorni di servizio. I costi complessivi ammontano a 1,2 milioni di franchi. Finora il Consiglio federale aveva fatto capo al sostegno dei militi della Protezione civile soltanto per affrontare l'emergenza coronavirus.

Alloggi d'emergenza e assistenza ai profughi - La protezione civile provvederà in particolare a organizzare e gestire gli alloggi d'emergenza quando le strutture ordinarie (ad esempio i Centri federali d'asilo) sono occupate o sovraffollate. Può inoltre essere chiamata a fornire assistenza e sostegno ai profughi ucraini. La SEM segnala le proprie esigenze alla Gestione federale delle risorse (ResMaB) dell'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP), che individua e coordina le risorse disponibili in collaborazione con i Cantoni. La responsabilità operativa e direttiva per gli interventi della protezione civile spetta ai Cantoni che lanciano la chiamata in servizio. La Protezione civile sarà impiegata a titolo temporaneo per sopperire alle carenze di personale finché non subentreranno - quanto prima - la SEM o enti incaricati dalla SEM.

Anche i civilisti sostengono la SEM - Oltre alla Protezione civile, anche il Servizio civile sostiene la SEM: l'Ufficio federale del Servizio civile sta già impiegando civilisti e ne ha chiamati in servizio altri in modo che in aprile e in maggio saranno un centinaio a sostenere la SEM. Inoltre i civilisti svolgono interventi ordinari per istituti d'impiego nel settore dell'asilo ed è possibile fare richiesta di impieghi in caso di situazione di emergenza per soccorrere ulteriormente i Cantoni. Le risorse necessarie sono state coordinate e assegnate tramite il «processo di gestione delle risorse della Confederazione» d'intesa con gli altri fornitori federali di prestazioni.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA