Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
19 min
Dividendi una tantum, TX Group nel mirino di Ufcom
Al momento non è stato aperto nessun procedimento formale
BERNA
1 ora
Ancora fuori uso il registro online di Swisstransplant
Il direttore della fondazione prevede un periodo di sei settimane per il ripristino totale del portale
SVIZZERA/FRANCIA
2 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
4 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
LUCERNA
4 ore
Retromarcia fatale per un 49enne
L'incidente è avvenuto ieri in una strada boschiva a Eschlzmatt
SVIZZERA
4 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
5 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
5 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SOLETTA
7 ore
Muore investito da un treno in stazione
All'arrivo dei soccorsi l'uomo era già deceduto.
SAN GALLO
8 ore
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
VALLESE
9 ore
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
SVIZZERA
10 ore
Simboli nazisti: «La leggerezza si è diffusa»
I consiglieri nazionali del PS e del centro chiedono il divieto di simboli come la svastica e il saluto nazista.
FOTO
SCIAFFUSA
11 ore
Finisce nell'altra corsia, il frontale gli è fatale
Un 77enne è deceduto ieri tra Sciaffusa e Bargen
BERNA 
12 ore
«Il ruolo delle aziende per la salute è sottovalutato
È quanto rileva un'analisi del "think tank" liberale Avenir Suisse
SVIZZERA
05.10.2021 - 22:210

Fibra ottica di Swisscom, anche per il TAF è «abuso di una posizione dominante»

Il Tribunale amministrativo federale ha respinto il ricorso dell'azienda, che dovrà bloccare il potenziamento della rete

«Siamo convinti che il nostro comportamento sia corretto e leale sul piano della concorrenza e ora vaglieremo il da farsi», ha dichiarato il Ceo di Swisscom, Urs Schaeppi

BERNA - Swisscom deve temporaneamente bloccare il potenziamento della sua rete di fibre ottiche con la nuova tecnologia annunciata nel febbraio 2020. Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha confermato le misure provvisorie ordinate dalla Commissione della concorrenza (COMCO).

In una sentenza pubblicata questa sera, il TAF ritiene che la strategia di Swisscom di ampliare la sua rete in fibra ottica con una nuova tecnologia rappresenta un comportamento abusivo da parte di un'impresa dominante.

La strategia di Swisscom
Secondo le considerazioni del Tribunale amministrativo federale, Swisscom si discosta dallo standard della fibra ottica, che prevede un modello a quattro fibre. Ciò significa che vengono posate quattro fibre ottiche indipendenti dal centro di connessione alla connessione del consumatore.

Le aziende del settore delle telecomunicazioni avevano concordato questo modello nell'ambito di una tavola rotonda negli anni 2008-2012. Questo aveva lo scopo di dare alla concorrenza l'accesso alla fibra indipendente e quindi rendere possibile una libera concorrenza.

Nel febbraio 2020, Swisscom ha presentato la sua nuova strategia per la costruzione della sua rete di fibre ottiche. L'obiettivo era quello di estendere la sua rete con un modello monofibra entro il 2025 e aumentare così la quota di famiglie e imprese connesse dall'attuale 32% a circa il 60%, ha spiegato questa sera in un comunicato il TAF. Contro la deviazione dallo standard concordato, la società Init7, con sede a Winterthur (ZH), ha presentato una denuncia alla COMCO nel settembre dello scorso anno.

«Abuso di una posizione dominante»
Nel dicembre 2020, la Commissione della concorrenza ha aperto un'inchiesta sulla nuova strategia. A questo stadio la COMCO ritiene verosimile che, con il suo comportamento, Swisscom abusi di una posizione dominante sul mercato e ha quindi ordinato una misura provvisoria vietando a Swisscom di rifiutare ai suoi concorrenti l'accesso ininterrotto alle fibre ottiche nell'ambito dell'ampliamento della rete. Nel gennaio 2021, Swisscom ha fatto ricorso al TAF contro questa misura. Il Tribunale amministrativo federale ha ora respinto il ricorso di Swisscom in una sentenza di oltre 200 pagine.

I giudici di San Gallo non sono stati convinti dall'argomentazione di Swisscom sull'esistenza di ragioni tecnologiche o economiche per discostarsi dall'attuale standard della fibra ottica.

Secondo il tribunale, le considerazioni di servire le regioni periferiche con reti a banda molto larga non giustificano una restrizione della concorrenza. Al contrario, i giudici ritengono che la nuova strategia di costruzione di Swisscom, nel suo stato attuale, costituisce una pratica abusiva da parte di un'impresa in posizione dominante.

«Rammarico» per Swisscom
Swisscom, che ha espresso il proprio «rammarico» con un comunicato stampa, ritiene che le misure cautelari siano errate: «La sentenza rischia di rallentare l’estensione della rete in fibra ottica fino nelle abitazioni e negli spazi commerciali (FTTH) a danno dell’economia e della società». 

Secondo l'azienda, «l'architettura impiegata per l’estensione della rete in fibra ottica si è imposta e ha dimostrato la sua validità a livello internazionale». In Svizzera, tuttavia, «è oggetto di critiche da parte di un esiguo gruppo di concorrenti e, per effetto di ciò, il potenziamento della rete rischia di essere ritardato nel peggiore dei casi di alcuni anni».

«La concorrenza è presente oggi a tutti i livelli e all’estensione della rete partecipano numerosi partner di cooperazione con investimenti dell’ordine di miliardi di franchi», ha dichiarato Urs Schaeppi, CEO di Swisscom. «Siamo convinti che il nostro comportamento sia corretto e leale sul piano della concorrenza e ora vaglieremo il da farsi».

Attualmente la COMCO continua le sue indagini. Emetterà la sua decisione dopo aver completato la sua inchiesta. La decisione del Tribunale amministrativo federale non è definitiva e può essere impugnata davanti al Tribunale federale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 3 mesi fa su tio
Questi signori si meriterebbero di avere un allacciamento ad internet come purtroppo abbiamo ancora in tante zone della Svizzera e del Ticino . Poi cambierebbero idea. Abbiamo un'azienda ancora per fortuna parzialmente di proprietà della confederazione , e si vanno a fare le pulci alle mosche per delle questioni che non hanno alcun costrutto. E ora tutto quanto fatto e posato rimarrà nei tombini senza utilizzo chissà fino a quando. Quante risorse sprecate
kenobi 3 mesi fa su tio
cosi favoriscono sto maledetto 5 g che è pericoloso per il futuro mentre la fibra ottica è molto ma molto piu affidabile e non crea danni al cervello la copertura totale per il 5 g creerebbe un disastro sulla salute a lungo temine come si sta preparando anche il 6 g ecc quandi c si accorgerà, o almeno quando le autorità come le sigarette l'amianto ecc diranno che non cerano dati sufficienti per saperlo prima sulla salute..........massa di incoscienti
Marta 3 mesi fa su tio
..ma se tornassimo alla "sorpassata" comunicazione via esclusivamente cartacea, non sarebbe meglio per tutti?.. a parte ovviamente per le varie lobby.
Gus 3 mesi fa su tio
Altra decisione del Tribunale federale contro le zone periferiche. Ennesima decisione di cittadini contro la campagne. Povera Svizzera
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 18:53:48 | 91.208.130.85