Keystone
ZUGO
04.09.2021 - 10:340
Aggiornamento : 15:10

Attentato di Zugo, Gerhard Pfister ammette: «Risento ancora delle conseguenze»

Il presidente del Centro era presente tra i banchi del Parlamento zughese il 27 settembre 2001, giorno della mattanza.

Pfister non rimase ferito, ma vide cadere undici suoi colleghi e tre membri del Governo, uccisi dall'attentatore. «Il limite si situa quando l'odio entra in gioco e non si vede più l'altra persona come un essere umano ma come un nemico».

ZUGO - Vent'anni dopo, il politico zughese Gerhard Pfister risente ancora personalmente delle conseguenze dell'attentato al parlamento di Zugo, che aveva fatto 14 morti.

In un'intervista pubblicata oggi dalla Schweiz am Wochenende, il presidente del Centro spiega di sentirsi a disagio in spazi chiusi con molte persone. «Spesso devo darmi una piccola spinta e, ancora oggi, mi sorprendo talvolta a guardare dove si trovi l'uscita d'emergenza», ha spiegato il consigliere nazionale di 58 anni.

Pfister, allora deputato al parlamento zughese, non era stato ferito durante l'attentato avvenuto il 27 settembre del 2001. Si era sdraiato sul pavimento dietro una fila di banchi nella sala del Gran Consiglio, mentre l'attentatore sparava attorno a lui e abbatteva politici e politiche.

Pfister spiega che oggi ancora ha un riflesso d'allerta quando capita qualcosa d'imprevisto nella sala del Consiglio nazionale, per esempio se cade il coperchio di un banco o se vi sono manifestazioni o agitazione nelle tribune.

«Tono più odioso» - Il 27 settembre 2001, un individuo che aveva un contenzioso con le autorità, era penetrato nella sala del parlamento zughese e aperto il fuoco. Aveva abbattuto undici parlamentari e tre membri del governo prima di suicidarsi. Quindici altre persone erano rimaste ferite.

In questi tempi di pandemia, Pfister osserva una situazione di minaccia «difficile». Deplora il fatto che i consiglieri federali debbano essere posti più spesso sotto protezione. «Il tono diventa più odioso. C'è un rifiuto quasi irrazionale di discutere», rileva il consigliere nazionale.

Pfister aggiunge che un «dialogo duro» deve tuttavia rimanere possibile. «Una buona disputa è qualcosa di molto interessante e talvolta necessario», a suo avviso. «Il limite si situa quando l'odio entra in gioco e non si vede più l'altra persona come un essere umano ma come un nemico», conclude il presidente del Centro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 2 mesi fa su tio
Il tempo, per molti, può cancellare certi eventi; per altri resta un terribile ricordo indelebile che ti condiziona la vita. Io personalmente l'ho provato nella "strage di Rivera" che ha dato il colpo di grazia all'inizio di una fortissima depressione che a volte fa ancora capolino. Mettiamoci altro che non cito e non ne esci più ;-(
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 19:04:32 | 91.208.130.86