tipress
BERNA
13.07.2021 - 17:340

In sei mesi esportate armi per 357 milioni franchi

La Romania è il principale acquirente.

Rispetto allo stesso periodo del 2020, le esportazioni sono diminuite del 40%.

BERNA - La Svizzera ha esportato armi per un valore di quasi 357 milioni di franchi nel primo semestre del 2021. Principale acquirente è stata la Romania, con un volume di poco più di 73 milioni di franchi, ha annunciato oggi la Segreteria di Stato dell'economia (Seco). Rispetto allo stesso periodo del 2020, le esportazioni sono diminuite del 40%.

La più grande fetta delle esportazioni di materiale bellico è andata a Paesi europei, con un volume complessivo di 240 milioni di franchi. In Medio Oriente, armamenti per un valore di 18,5 milioni sono stati venduti all'Arabia Saudita, che è coinvolta nella guerra in Yemen.

Gli Emirati Arabi Uniti, anch'essi coinvolti in questa guerra, hanno acquistato circa 3 milioni di franchi di materiale bellico da produttori svizzeri. Le esportazioni verso l'Asia hanno raggiunto un volume complessivo per 32 milioni di franchi.

Nel continente americano, il Brasile ha acquistato armi per 2 milioni di franchi. La parte del leone l'hanno fatta gli Stati Uniti con un volume di 40 milioni di franchi su un totale di esportazioni per 45,5 milioni di franchi nell'America del Nord e del Sud.

In Africa, il Botswana ha rappresentato la fetta più grande con poco meno di 34,7 milioni di franchi su un volume totale di 38,2 milioni di franchi. L'Australia, la Nuova Caledonia e la Nuova Zelanda hanno acquistato dalla Svizzera materiale bellico per un valore di 2,4 milioni di franchi.

Gli Stati che figurano nella lista sono 58 e rappresentano i Paesi in cui materiale viene "usato o trasformato, o altrimenti elaborato prima di essere riesportato", scrive la Seco.

Nella prima metà dello scorso, le esportazioni di materiale bellico ammontavano a 501 milioni di franchi. In tutto il 2020, il volume complessivo ha raggiunto 901 milioni di franchi, una cifra record e in crescita del 24% rispetto all'anno precedente.

In una nota, il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) parla di "scandalo", sottolineando come anche nella prima metà del 2021 la Svizzera abbia fornito materiale bellico "a Paesi coinvolti in guerre civili e violazioni dei diritti umani".
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SteveC 3 mesi fa su tio
Per il dio denaro tutto è lecito :-(
NonilTicineseMedio 3 mesi fa su tio
materia interessante... Capisco il lamento per la vendita di armi a paesi in guerra, ma le armi servono proprio a questo. Inoltre se non le vende la Svizzera la venderà una azienda statunitense, tedesca, austriaca, belga, francese o praticamente qualsiasi altro paese al mondo. tanto vale venderle noi e i prenderci i bei bei profitti
Princi 3 mesi fa su tio
e dové il problema ? diamo lavoro a migliaia di persone, inoltre c'é un libero mercato
Evry 3 mesi fa su tio
il mercatoè libero e ci sono delle leggi ben precise da far rispettare, ...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 13:20:19 | 91.208.130.85