Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
31 min
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
1 ora
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
4 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
7 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
7 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
LUCERNA
9 ore
Trovato il corpo di un escursionista sul Tannhorn
Si trattava di un 63enne del Canton Berna, dato per disperso. La salma avvistata dalla Rega
SVIZZERA
9 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
10 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
11 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
12 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
13 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
14 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
15 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
1 gior
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
1 gior
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SAN GALLO
1 gior
Anche il sito del Canton San Gallo nel mirino degli hacker
La pagina è stata temporaneamente inaccessibile oggi a causa di un attacco di tipo DDoS.
SVIZZERA
1 gior
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
1 gior
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
LUCERNA
1 gior
La navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni fatica a riprendersi
L'estate 2021 si è chiusa con un +30% rispetto al 2020. Ma risulta ancora in flessione nel confronto con il pre-crisi
SAN GALLO
1 gior
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
1 gior
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
1 gior
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
01.07.2021 - 07:120

Mercato del lavoro in ripresa: +28% di annunci

Boom di offerte per i professionisti nel campo dell'informatica, della gestione e dell'organizzazione.

I valori del Job Index si avvicinano ora ai livelli pre-pandemici.

ZURIGO - Nel secondo trimestre 2021, il mercato del lavoro svizzero mostra chiari segni di ripresa: rispetto all'anno precedente, il Job Index è aumentato del 28%. Questo è il risultato della rilevazione scientifica dello Swiss Job Market Index del Gruppo Adecco condotta dallo Stellenmarkt-Monitor Schweiz, l’Osservatorio del mercato del lavoro dell’Università di Zurigo. Nella Svizzera tedesca, il numero di annunci di lavoro ha registrato un aumento superiore rispetto alla Svizzera romanda e al Ticino, dove la ripresa è iniziata un po' prima. In tutta la Svizzera, le occupazioni nel settore della tecnologia dell'informazione e in quello della gestione e dell'organizzazione hanno segnato una crescita particolarmente forte. 

Balzo in avanti - Gli ultimi sviluppi dello Swiss Job Market Index del Gruppo Adecco Svizzera sono chiaramente positivi, in Svizzera le imprese stanno tornando a pubblicare un maggior numero di posti di lavoro. Di conseguenza, rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, il Job Index ha segnato un enorme balzo avanti del 28%, e tornerà presto ai livelli pre-pandemia. «È probabile che l'economia si riprenderà rapidamente, come dimostrano gli ultimi dati economici della SECO e del KOF. Per esempio, l'industria, che all'inizio dell'anno è stata poco colpita dalle misure di contenimento, sta mostrando interessanti cifre di creazione di valore. Nel secondo trimestre del 2021, i valori del Job Index sono quasi tornati ai livelli pre-pandemia e sono paragonabili ai valori della seconda metà del 2019», spiega Anna von Ow dello Stellenmarkt-Monitor Schweiz, l'Osservatorio del mercato del lavoro svizzero.

Richiestissimi i professionisti dell'IT - Al momento, tutte le categorie occupazionali presentano un andamento positivo rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, anche se la portata di questo sviluppo varia significativamente: «Durante la pandemia di Covid-19, molte aziende sono state costrette a ripensare il loro modello di business. In poco tempo, si è investito molto in automazione e digitalizzazione per accelerare i processi di trasformazione. La rilevanza della digitalizzazione è diventata ancora più chiara, per questo c'è una forte richiesta di specialisti/e IT e di esperti/e in gestione e organizzazione per pianificare e implementare questi processi», spiega Monica Dell'Anna, responsabile del Gruppo Adecco Svizzera. 

Occupazioni informatiche - Nella primavera del 2020 tutte le professioni sono state colpite dal primo lockdown. Da allora, la domanda di lavoro qualificato per le occupazioni nel settore IT è aumentata costantemente e il Job Index mostra valori ancora più alti rispetto al 2018. Di conseguenza, nel secondo trimestre del 2021 gli specialisti delle professioni informatiche saranno particolarmente ricercati. Tra questi figurano ad esempio programmatori/programmatrici, webmaster, ingegneri di sistema e manager di progetti IT. Nel 2° trimestre 2021, anche la domanda di lavoro per le professioni nel settore della gestione e dell'organizzazione è in forte aumento rispetto all'anno precedente (+40%). La crescita include professioni come specialisti delle risorse umane o specialisti dell'organizzazione, così come dirigenti di livello medio e superiore.

Commercio al dettaglio - Un aumento altrettanto significativo rispetto all'anno precedente è stato registrato nel Job Index per le professioni del commercio e delle vendite, che hanno segnato una crescita del 38%. «Queste occupazioni hanno sofferto molto durante il 1° lockdown, ma all'inizio del 2021 anche le chiusure parziali hanno causato un calo del numero di offerte di lavoro per le occupazioni nei settori del commercio e delle vendite. Attualmente, si osservano segni di ripresa dopo il crollo dell'ultimo trimestre, accompagnati da un aumento significativo delle vendite al dettaglio nell'aprile di quest'anno. Tuttavia, per questo indice occupazionale il livello pre-pandemia non è ancora stato recuperato», spiega Anna von Ow dello Stellenmarkt-Monitor Schweiz. 

Amministrazione in ripresa ma a passo lento - Anche le professioni nel campo degli uffici e dell'amministrazione mostrano una crescita incoraggiante nel 2° trimestre 2021, con un aumento del 35% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso. Queste professioni hanno recuperato costantemente dopo il brusco calo in seguito al primo lockdown. Il livello pre-pandemia è però ancora molto lontano. 

Nel secondario più richiesta che nel pre-pandemia - Nel 2° trimestre 2021, gli annunci di lavoro per le occupazioni nei settori dell'industria e dei trasporti sono aumentate del 33% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso e sono pertanto ancora più richieste rispetto a poco prima del 1° lockdown. «Secondo la SECO, nel corso dello scorso trimestre le industrie manifatturiere e di trasformazione hanno visto un aumento significativo, soprattutto nei settori chimico e farmaceutico», aggiunge Monica Dell'Anna.

Terziario in rimonta - L'indice occupazionale per l'insegnamento e i servizi pubblici è aumentato del 25% rispetto al 2° trimestre 2020, ed è pertanto solo leggermente al di sotto dei livelli pre-pandemici. Le professioni sanitarie non sono ancora tornate completamente ai livelli pre-pandemia, ma si attestano a un livello molto alto. Rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, hanno registrato un aumento del 22%. Anche l'indice delle occupazioni finanziarie e fiduciarie è di nuovo in aumento (21%), così come l'indice delle occupazioni nei settori delle costruzioni e delle ristrutturazioni (20%). È incoraggiante che in ambito edile sia stato riconquistato il livello pre-pandemia. Anche gli annunci di lavoro per le occupazioni nelle professioni dell'ingegneria e della scienza sono aumentati del 17% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso e sono tornati grosso modo ai livelli pre-coronavirus. 

La strada è ancora lunga - Per la prima volta, le professioni dell'ospitalità e dei servizi alla persona possono tirare un sospiro di sollievo. Rispetto al crollo del trimestre precedente, l'indice occupazionale nei settori dell'ospitalità e dei servizi alla persona è aumentato di oltre il 50%. A causa del 1° lockdown, il trimestre dell'anno scorso aveva registrato un vero e proprio crollo del numero di annunci di lavoro. In confronto, nel 2° trimestre del 2021 le occupazioni nei settori dell'ospitalità e dei servizi alla persona hanno registrato un leggero aumento, con un plus dell'8%. Tuttavia, queste professioni sono ancora molto lontane dal raggiungere i livelli pre-pandemici. Le aziende e i consumatori sperano tuttavia nella stagione estiva e delle vacanze.

Effetto coronavirus -  Nel confronto pre-coronavirus, vale a dire rispetto al 1° trimestre 2020, appena prima del primo lockdown, l'indice generale chiude il 2° trimestre 2021 con un -6%. «Il mercato del lavoro svizzero si è quindi quasi ripreso dalle restrizioni imposte della pandemia», spiega Anna von Ow dello Stellenmarkt-Monitor Schweiz, l’Osservatorio del mercato svizzero. Le occupazioni nei settori dell'ospitalità e dei servizi alla persona hanno subito il calo maggiore (-34%) rispetto a poco prima della prima chiusura, seguite da quelle nei settori degli uffici e dell'amministrazione (-12%), del commercio e delle vendite (-10%) e della gestione e dell'organizzazione (-9%).

Ancora indietro - La maggior parte delle altre occupazioni non sono ancora tornate ai livelli pre-pandemici per numero di offerte di lavoro: le professioni sanitarie segnano un -5%, l'ingegneria e le scienze naturali un -3% e l'edilizia e le ristrutturazioni, il settore finanziario e fiduciario così come l'insegnamento e i servizi pubblici tutti un -2%. «La crisi imposta dal coronavirus ha fatto sì che in queste professioni alcuni servizi siano stati sostituiti da processi di digitalizzazione. Questo è anche suggerito dall'aumento delle occupazioni IT, che hanno registrato un incremento del 14% rispetto a poco prima del primo lockdown», continua Anna von Ow dello Stellenmarkt-Monitor Schweiz, l’Osservatorio del mercato svizzero. Anche le occupazioni del settore manifatturiero e dei trasporti hanno segnato un leggero aumento rispetto a poco prima del primo lockdown (+5%). 

Confronto interregionale - Mentre negli ultimi trimestri in Svizzera francese e in Ticino si aveva già segnato una leggera ripresa dalla pandemia di Covid-19, la Svizzera tedesca ha registrato un forte aumento nell'ultimo trimestre, con un incremento nel numero di annunci di posti di lavoro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 00:00:10 | 91.208.130.87