20min/Marco Zangger
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
22 min
Ucciso a coltellate alla stazione di servizio
Una rissa tra diverse persone è finita tragicamente ieri sera a Geuensee (LU)
Ginevra
12 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
14 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
14 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
Svitto
14 ore
Un contadino muore sotto il suo mezzo agricolo
Il veicolo si è capovolto mentre raccoglieva l'erba tagliata
TURGOVIA
15 ore
I cavolfiori finiscono sui binari
Un curioso incidente ha interrotto la linea ferroviaria tra Wil e Weinfelden, oggi pomeriggio
SVIZZERA
18 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
20 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
20 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
22 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
SVIZZERA
26.05.2021 - 06:030

Test di massa al posto del telelavoro? La proposta divide

Il ritorno in ufficio potrebbe avvenire a condizione che i dipendenti vengano testati almeno una volta alla settimana

Per molte aziende si tratta di uno sforzo organizzativo sproporzionato. Il Consiglio federale annuncerà oggi la sua decisione relativa ai prossimi allentamenti

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

Telelavoro

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Oggi il Consiglio federale prenderà una decisione sugli allentamenti posti in consultazione lo scorso 12 maggio. Allentamenti che riguardano in particolare la ristorazione (stavolta si tratta della riapertura dei locali interni), le manifestazioni in presenza di pubblico, lo sport amatoriale e la cultura. E si parla anche del telelavoro: l'attuale obbligo potrebbe diventare una raccomandazione per le aziende che almeno una volta alla settimana effettuano test Covid sui dipendenti.

«Una soluzione non praticabile» - La condizione di organizzare test settimanali è già stata criticata dall'Unione svizzera degli imprenditori (USI) nel momento in cui la proposta è stata posta in consultazione: «Questa misura limitata nel tempo lascia molte domande senza risposta, è complessa da mettere in pratica e, considerati i progressi della campagna di vaccinazione, probabilmente non è proporzionata» afferma Fredy Greuter, responsabile comunicazione dell'USI a poche ore dalla decisione del Consiglio federale. «Molti dei nostri membri - aggiunge - hanno ancora molti interrogativi su come dovrebbero avvenire questi esami». Lo sforzo logistico e organizzativo per i test non andrebbe pertanto sottovalutato.

Non è ancora chiaro quante aziende siano pronte a mettere in pratica la condizione prevista dalla Confederazione. «In alcuni cantoni le autorità hanno introdotto già da tempo i test di massa pertanto dovrebbero essere preparati per fare fronte a un grande numero di aziende disposte a effettuare i test. In altri cantoni ci sono tuttavia ancora difficoltà da superare» afferma ancora Greuter. Anche le dimensioni di un'azienda giocano un ruolo importante: «Quelle più grandi, per esempio, dispongono spesso di personale medico interno. Non quelle più piccole».

«Nessun problema per le PMI» - «I test regolari sui dipendenti non sono un problema per le piccole e medie imprese (PMI)». Lo dice Roland Rupp, presidente dell'Associazione svizzera delle PMI. Sebbene il 99,7% delle aziende elvetiche sia composto da PMI, quasi il 90% di queste ha meno di dieci dipendenti. «Per queste aziende il telelavoro è stato un provvedimento faticoso, ma nel frattempo si sono organizzate in modo che il lavoro da casa non sia più necessario. E soprattutto le piccole imprese con uno o due dipendenti non sempre rispettano tale obbligo. Molti ora aspettano soltanto la revoca, in modo da poter tornare a lavorare normalmente».

Questione di socializzazione - La situazione è ben diversa, a titolo d'esempio, presso il gigante assicurativo Axa: «Faremo uso della possibilità prevista». Si parla quindi di un graduale rientro in ufficio, rispettando un severo piano di protezione e la necessità di testare settimanalmente il personale, come spiega la portavoce Melanie Ade. In casa Axa, inizialmente ai dipendenti sarà raccomandato - quando possibile - di lavorare ancora da casa. E di passare soltanto un giorno alla settimana in ufficio. «In questo modo vogliamo consentire al personale di mantenere i contatti sociali».

I dipendenti saranno testati regolarmente. «L'esame richiederà soltanto pochi minuti e potrà essere effettuato a casa, in modo che poi è sufficiente consegnare il kit una volta giunti sul posto di lavoro. Non sarà quindi necessario arrivare in anticipo» spiega ancora Ade. Si potrà lavorare normalmente fino all'arrivo del risultato del test.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 08:49:18 | 91.208.130.85