20min/Gianni Walther
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
25 min
Fuoco incrociato su Berset e Maurer
Sarà un'ora delle domande infuocata quella di questo pomeriggio sotto la cupola di Palazzo federale.
SVIZZERA
45 min
Nel weekend 3096 contagi in Svizzera
Sono 11 i decessi registrati dall'UFSP. Altre 49 persone sono state ricoverate
SVIZZERA
1 ora
Economiesuisse spinge sulla legge Covid
L'organizzazione padronale chiede alla politica di blindare il certificato
VAUD
2 ore
Lite nel centro di Losanna: un morto e un ferito grave
Nella notte su domenica vi è stato un violento alterco fra due fazioni rivali.
GRIGIONI
3 ore
Cade per 150 metri e muore
L'incidente si è verificato ieri a mezzogiorno su un sentiero in territorio di Klosters.
SVIZZERA
4 ore
Legge Covid-19: la "battaglia" è cominciata
Tra due mesi si voterà sulla Legge Covid-19. Per Governo e Cantoni la base normativa va assolutamente approvata.
SVIZZERA
5 ore
Complotti, fake news, razzismo: un cocktail pericoloso
Per la Commissione federale contro il razzismo si tratta di piaghe sempre più sotto la luce dei riflettori.
SVIZZERA
5 ore
«Una data che entra nella storia»
I quotidiani svizzeri ripercorrono la domenica elettorale: «Una Svizzera unita e progressista ha detto sì lo voglio».
ZUGO
6 ore
Strage in Parlamento, sono passati 20 anni
Il 27 settembre del 2001 Friedrich Leibacher uccise 14 persone, poi si tolse la vita.
SVIZZERA
6 ore
Gli scettici puntano al Nazionale
I movimenti d'opposizione alle norme anti-Covid starebbero preparandosi alle elezioni del 2023
LUCERNA
14 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
16 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
ZURIGO
18 ore
Colpito dal tram, muore in ospedale
Un 45enne tedesco ha perso la vita in seguito a uno scontro con un tram zurighese
SVIZZERA
23.05.2021 - 11:450
Aggiornamento : 16:14

«Riaperture più rapide»

Ecco il parere dei Cantoni sugli allentamenti previsti dal Consiglio federale

Sono richiesti passi più rapidi sulla base dell'evoluzione positiva della situazione sanitaria e dell'aumento del tasso di vaccinazione

BERNA - I Cantoni e l'Unione svizzera arti e mestieri (usam) spingono per un allentamento delle misure per contrastare il coronavirus più rapido di quello previsto dal Consiglio federale. Sono criticate l'idea di condizionare la fine dell'obbligo del telelavoro a test regolari, i limiti previsti per i raduni e l'uso di mascherine nei ristoranti.

Al termine del periodo di consultazione, i Cantoni che hanno espresso il loro parere sostengono in generale il piano del governo per la quarta fase di allentamento. Tuttavia, ritengono che l'evoluzione positiva della situazione sanitaria e il tasso di vaccinazioni possano giustificare passi più rapidi. Il Consiglio federale annuncerà la sua decisione mercoledì prossimo.

A eccezione del Giura, l'idea di vincolare l'abolizione dell'obbligo dell'home office a test regolari, complicati da eseguire per le PMI, non viene ben vista dai Cantoni e dall'usam. Se questa condizione dovesse essere mantenuta, Vaud chiede che almeno coloro che sono stati vaccinati siano esentati.

Mascherina a tavola - Anche l'obbligo di indossare una mascherina all'interno dei ristoranti quando non si sta mangiando sembra difficile da attuare. Friburgo è favorevole a renderlo obbligatorio solo quando ci si alza da tavola.

Alcuni Cantoni considerano il numero di quattro persone per tavolo troppo restrittivo. Vaud vorrebbe portarlo a sei, Berna a dieci. L'usam chiede semplicemente la fine delle restrizioni.

Incontri e raduni - Diversi Cantoni non trovano giustificato lo status quo proposto per gli incontri e i raduni. Friburgo e Vaud propongono che per gli incontri privati in luoghi chiusi possano riunirsi 15 persone invece di 10, Argovia 20. Berna vuole addirittura alzare l'asticella a 50. Per riunioni all'aperto, Friburgo è a favore di un massimo di 20 persone, Vaud, Argovia e Giura 30, e Berna di nuovo 50.

Per l'usam, 100 persone all'interno e 300 all'esterno dovrebbero essere possibili per eventi privati, senza concetti di protezione.

I vaccinati devono essere privilegiati - Il Giura approva le proposte del Consiglio federale, ma si rammarica che non permetta allentamenti supplementari ai vaccinati, sottolineando la necessità urgente di un passaporto di vaccinazione.

Per quanto riguarda i raduni pubblici, Appenzello Interno, come l'usam, raccomanda di ammettere fino a 300 persone in una sala invece delle 100 previste. Turgovia raccomanda un limite di 600 persone per gli eventi all'aperto invece di 300, mentre l'usam di 1000.

Per Svitto, Lucerna e Glarona, il gran numero di regolamenti per i vari tipi di riunioni rende difficile una visione d'insieme, con un effetto negativo sull'accettazione da parte della popolazione.

Sul piano dell'istruzione, il cantone di Vaud si oppone ai test di massa degli studenti durante i periodi di esame. Si aspetta anche che il governo autorizzi l'insegnamento in presenza senza condizione all'inizio del nuovo anno scolastico a settembre.

Criticato il «trattamento iniquo» - Riguardo alle attività del tempo libero, Svitto chiede che le piscine siano messe sullo stesso piano dei bagni termali e possano essere aperte.

Il settore relativo all'organizzazione di eventi giudica «scioccante» l'ineguaglianza dei requisiti per l'industria della ristorazione e del cinema e il suo settore. Non c'è motivo per cui non possa anch'esso beneficiare dell'abbandono dei concetti di protezione con la presentazione di un passaporto Covid.

Il Giura osserva che i diversi controlli previsti richiederanno risorse importanti da parte dei cantoni. Questo è un problema per i cantoni delle sue dimensioni.

Per un «ritorno alla normalità» - Il cantone di Berna chiede al Consiglio federale di eliminare tutte le restrizioni a partire dal primo ottobre, a meno che non appaia una nuova variante contro la quale la vaccinazione non protegge.

L'usam vuole andare più spedito. Secondo l'Unione svizzera arti e mestieri il modello proposto dal governo viola la legge Covid 19. Alla luce dei dati epidemiologici, la situazione particolare dovrebbe essere abrogata a partire dal primo giugno.

Anche l'UDC, l'unico partito a esprimersi di nuovo al termine della consultazione, chiede un «ritorno alla normalità», con l'abolizione dell'obbligo del telelavoro, della mascherina, della task force Covid e di tutte le restrizioni in generale.

Quando il 12 maggio è stato annunciato il piano del Consiglio federale, il PLR ha detto che gli allentamenti avrebbero dovuto essere fatti più rapidamente una volta che i gruppi a rischio fossero stati vaccinati. Il PS, i Verdi e il Centro si sono espressi a favore della prudenza.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 14:29:34 | 91.208.130.87