Keystone
Una manifestazione questa mattina a Basilea
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
2 min
I giovani lupi del branco di Stagias non verranno uccisi
L’Ufam ha constatato che i criteri necessari non sono soddisfatti.
SVIZZERA
30 min
Oltre 260'000 firme per mantenere i test gratuiti
Sono state consegnate oggi alla Cancelleria federale a Berna.
SVIZZERA
44 min
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
SVIZZERA
1 ora
Istruzione e lavoro per i rifugiati, oltre 17'000 firme raccolte
Una petizione ritiene «insufficiente» l'integrazione di queste persone e chiede «un accesso semplificato».
SAN GALLO
1 ora
Cade dal primo piano, muore un operaio
Incidente sul lavoro ieri pomeriggio a San Gallo: nella caduta un 45enne ha riportato gravissime ferite alla testa.
GINEVRA
1 ora
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
GRIGIONI
1 ora
Al via il secondo tour del vaxbus grigionese
Buon risultato della prima tornata: 3'900 persone si sono vaccinate attraverso questa modalità.
ARGOVIA
2 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA
2 ore
Test coatti per gli stranieri espulsi
La misura d'urgenza è stata approvata dalle Camere, nonostante l'opposizione rosso-verde
SVIZZERA / STATI UNITI
11 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
13 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
13 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
14 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
15 ore
Il dossier Svizzera nelle mani di Maros Sefcovic
Sarà lui l'interlocutore di Ignazio Cassis
SVIZZERA
16 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
BERNA
01.05.2021 - 11:000
Aggiornamento : 14:08

1. maggio: l'Unione sindacale svizzera chiede una «ripartenza sociale»

La pandemia ha fatto emergere le disuguaglianze. In centinaia di migliaia temono per il proprio impiego.

BERNA - In occasione del Primo Maggio, l'Unione sindacale svizzera (USS) ha sottolineato come «le vite dei lavoratori valgano più dei profitti». L'organizzazione sindacale, con azioni in tutta la Svizzera, ha chiesto «una ripartenza sociale» per far fronte alle diseguaglianze evidenziate dalla pandemia. Inviti alla solidarietà sono giunti anche dai due consiglieri federali socialisti Alain Berset e Simonetta Sommaruga.

Centinaia di migliaia di lavoratori sono stati licenziati o devono temere per il loro lavoro, ha indicato l'USS. Le persone meno pagate sono quelle che soffrono di più le conseguenze della crisi del coronavirus.

Disuguaglianze - Da una parte l'orario ridotto e la disoccupazione che hanno ridotto sensibilmente i salari. Dall'altra, le persone che guadagnano di più che sono state in grado di aumentare la loro ricchezza. I sindacati si battono per la piena occupazione, migliori salari e pensioni più sociali. E per questo Primo maggio hanno lanciato lo slogan "Le nostre vite valgono più dei loro profitti!".

A differenza di un anno fa, quando tutte le manifestazioni pubbliche erano state annullate, quest'anno si sono svolte in varie città azioni decentralizzate, organizzate nel rispetto delle restrizioni sanitarie. Le tradizionali feste del Primo Maggio sono invece state annullate nella maggior parte dei cantoni. A partire dalle 13, l'USS ha trasmesso in streaming un programma dal suo studio di Zurigo con istantanee delle azioni previste nelle varie regioni del Paese.

Quadro piuttosto deprimente - Il presidente dell'USS Pierre-Yves Maillard ha stilato un quadro piuttosto deprimente della situazione dei salariati. La pandemia ha accresciuto le disparità. Il mondo del lavoro ha pagato un pesante tributo: calo dei redditi, disoccupazione massiccia e insicurezza economica generalizzata. Ma, a suo avviso, occorre guardare verso il futuro. «Dopo la lotta contro il virus, è giunto il momento di riprendere la lotta sociale, per migliori salari, impieghi dignitosi e sicuri e buone pensioni».

Dal canto suo, la presidente di Unia Vania Alleva ha ricordato come la situazione nei settori a bassa retribuzione sia peggiorata durante la crisi sanitaria. Gli orari di lavoro eccessivamente flessibili, i mini-tempi parziali e il lavoro su chiamata si moltiplicano: «La lotta per salari decenti e condizioni di lavoro sicure diventa sempre più importante», secondo la responsabile sindacale.

Constatando un aggravamento delle disparità sociali che rischiano di generare una profonda divisione sociale, il sindacato Unia ha rivendicato atti concreti: si tratta di procedere a una redistribuzione dei redditi con un aumento delle indennità per il lavoro ridotto al 100% per i salari netti fino a 5'000 franchi, ovvero più di quanto ha fissato il Parlamento.

Secondo Unia, nuovi contratti collettivi di settore vincolanti sono necessari nelle professioni «essenziali» ancora poco regolamentate nel settore dei servizi. Infine, le imprese che hanno dovuto chiudere a causa della pandemia devono essere esentate dal pagamento dell'affitto.

Berset e Sommaruga invitano alla solidarietà - Invitati dall'Unione sindacale svizzera, anche i consiglieri federali Simonetta Sommaruga e Alain Berset hanno lanciato un appello alla solidarietà in occasione del Primo Maggio.

Berset ha dichiarato in un discorso su twitter che la crisi del coronavirus ha un punto in comune con altre crisi: «I più deboli soffrono di più, non soltanto per le conseguenze sanitarie ma anche per quelle economiche».

«Le disparità continuano ad aumentare e i posti di lavoro a bassa remunerazione sono particolarmente minacciati. La crisi tocca soprattutto le donne», ha aggiunto il consigliere federale socialista. «Molte hanno perso il loro impiego, in particolare le donne in professioni in cui il telelavoro non è possibile, per esempio nella vendita, negli ospedali o nelle cure. Per questo motivo la solidarietà è necessaria ora, ma anche dopo la pandemia».

Simonetta Sommaruga aveva già rivolto ieri, alla vigilia del Primo maggio, un messaggio di solidarietà ai dipendenti di una libreria e di un centro commerciale di Losanna.

La consigliera federale svolge regolarmente visite simili nell'ambito della Festa dei lavoratori. Quest'anno si è concentrata sul commercio al dettaglio, settore che impiega 300'000 persone in Svizzera e che è stato particolarmente colpito dalla crisi del coronavirus.

Solidarietà con i sindacati europei - Dal canto suo, l'ex presidente dell'USS e consigliere agli Stati, Paul Rechsteiner (PS/SG) ha sottolineato che la solidarietà con i sindacati europei è necessaria. Lo smantellamento della protezione salariale minaccia i dipendenti, indipendentemente dal colore del proprio passaporto".

«I salari svizzeri devono essere pagati in Svizzera», ha aggiunto. Inoltre, controlli salariali efficaci sono necessari e un salario minimo è indispensabile.

Manifestazioni in tutta la Svizzera - Come detto, decine di manifestazioni erano previste oggi in tutta la Svizzera. A Basilea, stamane oltre un migliaio di persone si sono riunite nonostante una meteo capricciosa per una manifestazione autorizzata. Nonostante alcune piccole scaramucce con la polizia, l'evento si è svolto in modo pacifico.

La rivendicazione principale di questa manifestazione: un salario minimo prescritto dallo Stato di 23 franchi all'ora. Un'iniziativa popolare dei sindacati sul tema sarà oggetto di una votazione cantonale il prossimo 13 giugno.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 11:19:11 | 91.208.130.86