keystone
VALLESE
25.04.2021 - 14:150
Aggiornamento : 17:12

Le regole sull'immigrazione rallentano la produzione del vaccino

L'azienda chimica e farmaceutica Lonza in Vallese non dispone del personale sufficiente per produrre Moderna.

Il motivo è noto. E la richiesta di eccezioni si fa sempre più forte. Tanto che la Confederazione ha deciso d'intervenire.

VISP - Consegne in ritardo e inferiori alle aspettative questo mese. E probabilmente anche il prossimo. Questo è ciò che al momento può offrire lo stabilimento di Lonza a Visp (VS), riguardo alla produzione del vaccino Moderna.

Venerdì, il Ceo dell'azienda farmaceutica statunitense ha scaricato le colpe sull'azienda vallesana. Il problema? La mancanza di personale.

Era noto che Lonza stesse incontrando delle difficoltà nel reclutare il personale, e già prima della pandemia. Nel 2018, l'allora direttore del sito di Lonza, in Vallese, aveva spiegato che a causa dell'ampliamento della divisione di biotecnologie avrebbero dovuto essere occupate più di 1000 posizioni a Visp. «Per noi è importante poter assumere persone provenienti dall'Europa e da tutto il mondo», aveva sottolineato Jörg Solèr. Ma è proprio qui che sta il problema, come mostra una ricerca della "SonntagsZeitung". Il numero di lavoratori che possono venire in Svizzera da paesi terzi è limitato.

Di recente il Consiglio federale ha fissato il numero di questi permessi di lavoro a un massimo di 8'500 in tutto il Paese. Di questi, solo 4'500 sono permessi di soggiorno di lunga durata, mentre 4'000 sono i cosiddetti permessi di breve durata. Per soddisfare l'elevata necessità di specialisti, nel 2020 Lonza ha presentato alle autorità vallesane numerose candidature per l'assunzione di specialisti provenienti da paesi terzi. Solo 17 sono state approvate dall'autorità competente.

Per il vicepresidente del PLR Philippe Nantermod, il problema più grande risiede nelle quote per le persone provenienti da paesi terzi. Il Canton Vallese ha 42 permessi di soggiorno B più 67 permessi di soggiorno di breve durata, ma ci sono anche altre aziende che cercano questa tipologia di personale oltre a Lonza.

Nantermod, insomma, chiede delle eccezioni. «Per aziende come Lonza deve essere facile reclutare lavoratori qualificati da tutto il mondo».

La Confederazione sostiene Lonza - A tal proposito, la Confederazione ha deciso di intervenire in aiuto di Lonza. «Il Dipartimento federale dell'interno (DFI) intende sostenere Lonza nell'esigente reclutamento di specialisti per produrre il principio attivo del vaccino», ha indicato oggi a Keystone-ATS il DFI.

«Il DFI esamina attualmente la possibilità di ricorrere a specialisti dell'amministrazione federale, di aziende legate alla Confederazione o di università», ha aggiunto. La fornitura di vaccini di Moderna è di fondamentale importanza per la Svizzera, ha indicato il dipartimento.
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 06:43:10 | 91.208.130.86