Ti Press
SVIZZERA
12.01.2021 - 11:580
Aggiornamento : 13:09

«La tassa militare è discriminatoria»

La Corte europea dei diritti dell'uomo tira le orecchie alla Confederazione.

Per Strasburgo non si può trattare in modo diverso le persone sulla base dell'entità di un handicap.

LOSANNA - La Corte europea dei diritti dell'uomo (Corte EDU) critica la prassi svizzera in materia di tassa militare. Ritiene che la distinzione fatta tra due persone dichiarate inabili al servizio a causa di un'invalidità considerata di lieve entità sia discriminatoria.

In una sentenza emessa oggi, i giudici di Strasburgo hanno stabilito che questa pratica viola l'articolo 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali in rapporto all'articolo 8 (Diritto al rispetto della vita privata e familiare) del medesimo testo.

Oltre alla distinzione artificiosa tra diverse persone dichiarate non idonee, la Corte EDU sottolinea che queste sono svantaggiate rispetto agli obiettori di coscienza che possono svolgere il servizio civile ed evitare così di pagare la tassa di esenzione.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 16:34:08 | 91.208.130.85