Immobili
Veicoli

BERNACovid, è boom di pacchi: «Evitiamo il collasso della logistica e dei dipendenti»

17.11.20 - 11:16
L'appello di Syndicom con alla porte il Black Friday, il Cyber Monday e le festività.
tipress (archivio)
Covid, è boom di pacchi: «Evitiamo il collasso della logistica e dei dipendenti»
L'appello di Syndicom con alla porte il Black Friday, il Cyber Monday e le festività.
I dipendenti della Posta, di DHL, DPD, ecc. hanno fatto uno sforzo straordinario durante il lockdown. Orali attende una nuova fatica.

BERNA - La Svizzera si è chiusa nuovamente in casa a causa della pandemia del coronavirus. E, ovviamente, gli acquisti li fa online. Ma la logistica in Svizzera, come sottolinea Syndicom, «non è pronta». Con alle porte il Black Friday, il Cyber Monday e le festività, secondo il sindacato, «si rischia il collasso».

A risentire dell’elevato volume di pacchi supplementari a causa del coronavirus sono i dipendenti – gli addetti al recapito e le persone nei centri di smistamento.

«I dipendenti del settore logistico esercitano professioni di rilevanza sistemica e questo talvolta per pessimi salari», prosegue il sindacato. Per impedire il collasso, Matteo Antonini, membro del Comitato direttivo di syndicom, rivendica che «i lavoratori devono far fronte all’imminente sovraccarico con salari superiori, un numero sufficiente di dipendenti fissi e misure per la protezione della salute. Inoltre, chiediamo un contratto collettivo di lavoro di obbligatorietà generale per gli addetti al recapito dei fornitori privati.»

Ritardi nelle consegne - La strettoia della logistica in Svizzera sarebbe la capacità dello smistamento. Il volume che possono gestire tutte le macchine di smistamento in Svizzera è limitato a circa 1,6 milioni di pacchi al giorno. Syndicom si attende che questo volume verrà superato nelle settimane antecedenti il Natale.

«Per i clienti questo significa ritardi nelle consegne. Per il personale che dal lockdown è già al limite, questo significa ore straordinarie supplementari». A questo proposito Matteo Antonini aggiunge: «Qualora la catena logistica dovesse collassare, perderanno tutti. È nell’interesse primario di tutti i partecipanti, assumersi ora la responsabilità e prendere provvedimenti sostenibili.»

Anche i nuclei familiari privati possono dare il proprio contributo. Come? «Facendo acquisti in modo intelligente, ovvero in modo lungimirante e combinato».

Soluzioni a lungo termine anziché esternalizzazioni a breve termine - Per risolvere il problema di congestione durante il lockdown, sia la Posta che i fornitori privati hanno puntato sempre più sia sui subappaltatori che sul personale a prestito. Le aziende logistiche faranno ora lo stesso prima delle festività. «Ma ciò che sgrava facilmente le aziende - spiega il sindacato -, significa dall’altro lato condizioni di lavoro estremamente precarie per i dipendenti delle aziende subappaltatrici e per il personale a prestito».

Syndicom è convinto che si possa affrontare la crescita strutturale nel mercato dei pacchi solo con investimenti a lungo termine nel personale e non con esternalizzazioni a breve termine. Si aspetta inoltre che tutte le ore di lavoro svolte vengano corrisposte e le direttive SUVA vengano rispettate con coerenza.

L'appello: «Si consiglia ai datori di lavoro di prendere sul serio le preoccupazioni dei dipendenti. Il personale è resistente. Ma i dipendenti compromessi a livello di salute accuseranno degli effetti negativi nel lungo termine. Questo va evitato, con buone condizioni di lavoro e salari equi».

COMMENTI
 
Veveve 1 anno fa su tio
...non si è mai contenti.. l’’importante è lamentarsi!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA