Consiglieri federali sommersi dalle lettere dei cittadini
Keystone
SVIZZERA
16.11.2020 - 09:010
Aggiornamento : 12:03

Consiglieri federali sommersi dalle lettere dei cittadini

La presidente della Confederazione ha ricevuto migliaia di lettere dalla popolazione sul tema coronavirus

«Questo mostra quanto la gente sia preoccupata», spiega la sua portavoce. La situazione è simile anche per gli altri membri dell'esecutivo.

BERNA - La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga riceve migliaia di lettere ed e-mail dalla popolazione che hanno come oggetto l'emergenza coronavirus. E la situazione è simile anche per gli altri consiglieri federali, ha detto alla SRF la vice responsabile delle comunicazioni del DATEC Géraldine Eicher.

Di solito Sommaruga riceve circa 30 lettere al giorno, ha detto Eicher nel programma "Heute Morgen" di lunedì. Ora ne giungono molte di più: «Negli ultimi mesi il numero di lettere si è moltiplicato. Ne abbiamo ricevute migliaia».

Quattro lettere su cinque riguardavano il coronavirus. «Corona, corona e ancora corona», ha detto la portavoce di Sommaruga. Non ci sono "scrittori tipo": «Alcuni scrivono che per la prima volta hanno voluto scrivere direttamente a un membro del Governo. Questo mostra anche quanto siano forti le preoccupazioni».

La gente è stufa - I toni delle missive vanno sono spesso amichevoli. A volte contengono delle lodi o delle richieste, ma spesso racchiudono preoccupazione, rabbia o disperazione. Rispetto alla scorsa primavera, l'umore è divenuto più negativo e la gente è sempre più stufa di questa situazione.

Ad esempio, la lettera di un cittadino alla presidente della Confederazione, citata nel servizio radiofonico, dice: «A essere onesti, la mia speranza è svanita da alcune settimane. Mi sento abbandonato, perso e talvolta sono arrabbiato per le misure incoerenti prese dalle autorità». Un'altra lettera si legge: «Avete idea di cosa sta succedendo alla gente di questo Paese?»

Lettere che sono «come un sismografo della società», conclude la portavoce: «Ad esempio, se il numero di casi aumenta, aumenta anche il numero di lettere e viceversa».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 anno fa su tio
Ci sono paersi che la speranza non lascia a morire .Paesi che per forza maggiore devono rispettare le direttive.Con che coraggio le persone che si sentono abbadonatein questo Paese. Chi é stufo / chi si ente abbandonato, queste persone devono emigrare. Con che coraggio si scrive " avete idea di cosa sta succedendo in questo paese" P.F. scrivete al singolare. Pretendere che la presidente della confederazione con tutti i problemi da risolvere a tempo da leggere tutte le lettere . Aiutiamola piuttosto con dei consigli utili
Volpino. 1 anno fa su tio
Per quanto attiene la Banca Nazionale ho appena letto quanto segue: "La settimana scorsa gli attivi in questione si sono attestati a 707,9 miliardi di franchi, 0,3 miliardi in più rispetto ai sette giorni precedenti, ha indicato oggi l'istituto. Viene in tal modo ritoccato il livello già di primato." Considerando che il Franco svizzero dal 2005 non è più coperto in oro e la Svizzera non dipende dalla BCE per i crediti come altri paesi della CE mi domando perché a Berna ci si ostenta a proclamare un lockdown generale come in Austria per contenere e rallentare i contagi ed alleviare gli ospedali? È fondamentale preservare senza alcuna discriminazione la qualità delle cure nei nosocomi. La Banca Nazionale potrebbe benissimo mettere più soldi in circolazione senza per forza comprare sempre valute estere per rafforzare il Franco svizzero. Un po' di inflazione renderebbe l'esportazione della merce più attraente per i diversi mercati invece di sacrificare il bene prioritario della salute della popolazione. Con la crisi globale nessuno vuole più acquistare prodotti troppo costosi.
spank77 1 anno fa su tio
I paesi asiatici sono un buon esempio per come l economia va avanti assieme alle misure, che bastano anche soft perché sono applicate da TUTTI con il semplice buon senso. Esempio limitare contatti o feste...o assembramenti...Igiene mani e utilizzo corretto della mascherina... Mantenendo i contagi bassi diminuisce anche il rischio di misure dure (chiusure locali e altre attività) perché gli ospedali riescono a gestire il flusso dei ricoveri. E diciamo anche che una buona parte del calo di fatturato e dovuto non sempre alle misure ma al contrario dalla paura di contagio (probabilmente la maggior parte).
conterosso 1 anno fa su tio
se magari la smetteste di affidarvi alla responsabilità individuale e metteste delle misure serie, come in tutti i paese che ci circondano e ch hanno meno contagiati di noi magari la gente vi capirebbe meglio no???
Lore61 1 anno fa su tio
@conterosso Guarda che contagiati non vuol dire niente dal momento che alla maggioranza la schifezza virus NON fa NIENTE! Quello che importa sono i decessi, e se sai fare i calcoli, prendendo ad esempio l'Italia, ha quasi il doppio di morti con tutte le castrazioni imposte alla libertà individuale rispetto a noi!!!....quindi...
Wunder-Baum 1 anno fa su tio
E' importante limitare i contatti sociali e girare solo se è indispensabile con le dovute precauzioni. Io sono stato prudente, ma un paio settimane fa sono risultato positivo al Covid. Per fortuna i sintomi erano in forma lieve. Mi permetto dire a tutti, fate attenzione, non criticate, siate prudenti, comprendo che non è facile, ma il virus è sull'angolo, basta un attimo per trovarselo nel proprio corpo.
Boh! 1 anno fa su tio
...tenete duro ministri.... e dritti per la strada tracciata.... una pandemia purtroppo non la si può annullare, neanche con un lockdown, e chi lo crede purtroppo è un illuso. Mettiamo in sicurezza le persone a rischio e continuiamo la nostra vita attenendoci a comportamenti responsabili.... le “regolette” da rispettare sono tanto semplici.... igiene, distanza, mascherine.... rispettiamole dunque.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 16:57:07 | 91.208.130.86