Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Si vaccina troppo lentamente? Berset non è contento
Tra qualche ora il consigliere federale presiederà una videoconferenza con i direttori cantonali della sanità
VALLESE
2 ore
Un intero quartiere in balìa di due cani
Succede a Naters: una donna è stata ferita e ha sporto denuncia
SVIZZERA
3 ore
Le forniture del vaccino di Pfizer rallentano: anche la Svizzera s'interroga
«Prendiamo sul serio la notizia» dichiarano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
NIDVALDO
5 ore
Valanga travolge due sciatori, morto un 26enne
L'altra persona è riuscita a uscire dalla massa nevosa con le proprie forze
SVIZZERA / REGNO UNITO
6 ore
Dipendente si ferisce, multa a Nestlé
Sanzione da 600mila sterline contro la multinazionale
VAUD / FRANCIA
6 ore
Jihadista vodese condannato a 15 anni
Il 31enne è stato riconosciuto colpevole di aver reclutato uomini disposti a commettere attacchi in Francia e Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Il vaccino anti-Covid guadagna consensi
In ottobre la percentuale dei favorevoli era al 16%, ora è salita al 41%.
SVIZZERA
6 ore
Vaccinati i primi consiglieri federali
Nell'ambito di un'azione privata, oggi il preparato è stato somministrato ad alcuni membri del Governo
SVIZZERA
7 ore
Un test negativo per entrare in Svizzera?
È la proposta avanzata dalla Commissione della sanità e socialità del Consiglio nazionale
SVIZZERA
7 ore
Centinaia di incidenti per la neve
La Svizzera nella morsa dei fiocchi. Il bilancio di una giornata da incubo
SVIZZERA
7 ore
Se c'è in gioco la variante, in quarantena anche il contatto del contatto
È quanto raccomanda l'Ufficio federale della sanità pubblica per contrastare la diffusione del virus mutato
GINEVRA
8 ore
70 infettati dalle varianti britannica e sudafricana
Attualmente sono 400 le persone ricoverate in ospedale in condizioni gravi
SVIZZERA/GERMANIA
8 ore
Il tampone obbligatorio ai frontalieri potrebbe avere un «forte impatto negativo»
La commissione dell'Alto Reno chiede un regime eccezionale rispetto alle misure introdotte da Berlino
SVIZZERA
9 ore
«Misure anti-coronavirus efficaci»
È il parere della task force scientifica in merito agli approcci cantonali durante l'autunno 2020
BERNA
10 ore
Trovato il proprietario dell'acquario
Dovrà rispondere di infrazione alla legge federale sulla protezione degli animali
SVIZZERA
10 ore
Niente svendita all'estero degli immobili delle imprese in difficoltà
È l'obiettivo che si propone un'iniziativa della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera altri 2'396 casi di coronavirus
Le autorità sanitarie federali segnalano anche 66 nuovi decessi e 139 ospedalizzazioni
SVIZZERA
10 ore
La BNS vuole assicurarsi il marchio "e-franco"
Si tratta di una possibile versione digitale del franco
VAUD
12 ore
Mascherine trasparenti anche con i bimbi delle elementari
È un modo per consentire ai docenti di mantenere i contatti con gli allievi
SVIZZERA
20.10.2020 - 19:030
Aggiornamento : 22:17

Coronavirus: politici ed esperti a favore di una strategia a livelli

L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione

Secondo il vicepresidente del PLR svizzero, Andrea Caroni, la popolazione potrebbe così prepararsi meglio alle (eventuali) future restrizioni.

Fonte Daniel Waldmeier / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

BERNA - Il Consiglio federale ha annunciato domenica l'introduzione di nuove misure, con lo scopo di rallentare l'aumento dei casi di coronavirus nella Confederazione.

La presidente Simonetta Sommaruga ha poi dichiarato di essere pronta a prendere in considerazione misure più drastiche, se necessario. Il Consiglio federale ha tuttavia lasciato in sospeso quali sarebbero state le prossime misure e quando potrebbero venir adottate.

Pianificare, non reagire - Alcuni politici ed esperti, però, hanno criticato questa mossa, in quanto sarebbe meglio avere una strategia pronta, con misure che vengono introdotte passo per passo a seguito del peggioramento o miglioramento della situazione, invece che reazioni d'emergenza all'aumento dei casi.

Ad esempio l'epidemiologo Matthias Egger, membro della task force Covid-19 della Confederazione, auspica che il Consiglio federale comunichi già ora i prossimi passi possibili, affinché la popolazione possa prepararsi a tutti gli scenari. D'altronde è chiaro: se l'infezione non rallenta, si dovranno prendere ulteriori provvedimenti.

L'esempio irlandese - Come ha spiegato Egger al Tages-Anzeiger, la Svizzera potrebbe prendere come modello la strategia graduale adottata dall'Irlanda. Il governo irlandese ha infatti pubblicato il "Piano per vivere con il Covid-19" già a metà settembre.

La strategia irlandese prevede cinque livelli di gravità, l'ultimo dei quali porta a un secondo confinamento. Attualmente è stato raggiunto il quinto livello, quello di allerta massima, che farà scattare, a partire da mercoledì, un lockdown di 6 settimane nel paese.

Il documento, consultabile online dalla popolazione, regola in dettaglio tutti i settori della vita privata e pubblica. Ad esempio, le visite private nelle case per anziani, le restrizioni che entrano in vigore per bar e ristoranti, e i divieti per quanto riguarda i viaggi. Per illustrare qualche esempio pratico: le partite di calcio in Irlanda, a partire dal terzo livello, vengono giocate senza pubblico, mentre a partire dal quinto livello non avvengono proprio. 

Pianificare, per la gente e l'economia - Il vicepresidente del PLR svizzero Andrea Caroni ha detto al portale 20 Minuten che «è incomprensibile che il consigliere federale Alain Berset non abbia da tempo messo sul tavolo un piano regolatore». Secondo Caroni, «stiamo volando a vista invece che prepararci e pianificare le prossime mosse; il Consiglio federale avrebbe potuto presentare un piano generale già in estate».

Il piano, secondo l'esponente del PLR svizzero, dovrebbe specificare quali misure verrebbero adottate e a partire da quali cifre. Tra i vantaggi di un piano del genere c'è la sicurezza di pianificazione per la popolazione e per l'economia, così «le persone sapranno esattamente quali restrizioni sono previste e quali no». Come padre vorrebbe sapere, ad esempio, se è prevista la chiusura della scuola in caso di un peggioramento della situazione.

Inoltre, un piano simile ha anche un effetto preventivo: «Se la popolazione volesse evitare a tutti i costi restrizioni più rigide, come un lockdown, potrebbe agire in modo più responsabile» ha concluso Caroni.

Consiglio federale o Cantoni? - Ruth Humbel, consigliera nazionale del PPD e presidente della Commissione della sanità, difende però il Consiglio federale: «Non siamo centralizzati come l'Irlanda, non spetta al Consiglio federale presentare un piano regolatore: ci sono i Cantoni al timone».

Tuttavia, anche Humbel è favorevole all'elaborazione di un concetto con misure pianificate: secondo lei, Consiglio federale, Cantoni e task force scientifica avrebbero dovuto sedersi insieme durante l'estate ed elaborare un piano. In particolare una strategia simile sarebbe utile se il numero di casi continuasse ad aumentare, con il pericolo che il sistema sanitario raggiunga i suoi limiti. 

Alla domanda sul perché il Consiglio federale non abbia ancora presentato un piano, il portavoce André Simonazzi ha dichiarato che «Il Consiglio federale non commenta le dichiarazioni della stampa. Ha già comunicato in via ufficiale le sue misure e la sua politica».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Swissabroad 2 mesi fa su tio
@Max Bartolini. Anzichè guardare la Lombardia e i frontalieri, che di media sono e sono stati molto più attenti e scrupolosi di quanto siamo stati noi, tiriamo le somme e traspare netta la sufficienza con cui in Svizzera è stato fatto tutto e il minimizzare di tanta gente, ancora oggi, ha portato a questo.
Dragon76 2 mesi fa su tio
ha ragione Caroni, potevano prendere il piano panddmico del 2018 già pubblicato e scaricabile proprio sito dell'ufsp, un librone di 128 pagine, perchè perchè perchè non lo hanno fatto????
Max Bartolini 2 mesi fa su fb
Dai dati del UFSP salta fuori che i contagi avvengono in famiglia e al lavoro, mentre bar, ristoranti, sport ed eventi non si denotano problemi.... però chi viene colpito dalla restrizioni.. bar, ristoranti, sport ed eventi. Siamo come a febbraio, lombardia piena di contagi ma frontalieri avanti ed indietro... sempre senza coerenza
lecchino 2 mesi fa su tio
Prendete il ticino: in primavera metà dei morti per o con covid si è registrata nelle case anziani. Allora le case erano state chiuse ben 12 giorni dopo i carnevali. Ammettiamo che il tempo era poco. Ora c'è stata tutta l'estate per organizzare UNA, l'unica cosa che avrebbe permesso di dimezzare la mortalità.... Proteggere i nostri anziani. Eh no, gli eroi mascherati non sono riusciti nemmeno in quello. A suon di proclami sono nuovamente riusciti a riportare dentro il covid. Dire che navigano a vista è un complimento, corretto sarebbe definirli naufraghi professionisti (lautamente stipendiati)
SSG 2 mesi fa su tio
@lecchino La responsabilità di protegge gli anziani è degli stessi parenti, proprio quelli che non rispettano le disposizioni, i primi a dar contro ai medici e politica. E a tutti quelli che non si comportano in maniera corretta. Troppo facile fare quello che si vuole e poi accusare gli altri.
Stefania Domina 2 mesi fa su fb
Concordo con questa mossa: già la situazione é di per sé molto pesante, ci manca solo che si stia col patema d'animo a pensare a quali misure potrebbero essere adottate, senza saperlo per certo fino al momento in cui vengono poste in essere...🐾
sedelin 2 mesi fa su tio
cucù
sedelin 2 mesi fa su tio
abbiamo bisogno di nostradamus per dormire sonni tranquilli. e anche dì sapere quando sarà il nostro ultimo respiro in modo da prepararci per tempo.
sedelin 2 mesi fa su tio
abbiamo bisogno di nostradamus per dormire sonni tranquilli. sarebbe interessante anche prevedere il nostro ultimo respiro, in modo da prepararci per tempo.
Michael Giglio 2 mesi fa su fb
"Non stiamo chiudendo stabilimenti. Stiamo solo impedendo che siano redditizio. Ma come non li chiudiamo, non abbiamo bisogno di indennizzare nessuno" Bella planificazione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-16 01:37:37 | 91.208.130.85