Immobili
Veicoli

SVIZZERASgridò il Governo ticinese, ora Hans Hess se ne va

28.08.20 - 09:09
Il presidente di Swissnem ha rassegnato le dimissioni. Verrà con ogni probabilità sostituito da Martin Hirzel
Keystone
Fonte ats
Sgridò il Governo ticinese, ora Hans Hess se ne va
Il presidente di Swissnem ha rassegnato le dimissioni. Verrà con ogni probabilità sostituito da Martin Hirzel
Durante la fase più acuta della pandemia, Hess aveva pesantemente criticato il Ticino per aver chiuso tutto.

BERNA - Dopo dieci anni alla testa di Swissmem, il presidente Hans Hess lascia l'incarico. L'organizzazione propone quale successore Martin Hirzel, che fino allo scorso anno era Ceo del fornitore dell'industria automobilistica Autoneum. Se il Comitato direttivo lo eleggerà il 15 settembre, assumerà il nuovo incarico dal primo gennaio 2021.

Hess in Ticino è conosciuto soprattutto per le pesanti critiche rivolte al nostro Cantone quando, in marzo, il Consiglio di Stato aveva deciso di chiudere tutto. Sostenendo che una mossa del genere avrebbe creato seri problemi all'economia dell'intero Paese. Non solo, aveva pure dichiarato che la scelta del Ticino rappresentava un mancato riconoscimento della volontà del Consiglio federale.

Il 65enne ha comunicato la sua volontà ai vertici di Swissmem già nell'autunno dello scorso anno, si legge in una nota odierna. È alla guida dell'associazione dal novembre 2010. Il suo predecessore era Johann Schneider-Ammann, diventato consigliere federale.

Hess ha prestato particolare attenzione al partenariato sociale, scrive Swissmem. «Grazie al suo approccio sempre costruttivo e orientato alla soluzione, nel 2013 e nel 2018 è riuscito a concludere con le cinque parti sociali l'ulteriore sviluppo di nuovi contratti collettivi di lavoro per l'industria MEM».

L'organizzazione ricorda anche l'impegno a favore della formazione e del perfezionamento professionale. Hess «è stato convinto sostenitore del sistema di formazione professionale duale».

Attualmente Hirzel, nato nel 1970, è membro del consiglio di amministrazione della Bucher Industries, produttore di macchine e veicoli. Prima ha ricoperto diverse posizioni nel gruppo di macchine tessili Rieter, la cui divisione componenti automobilistici è poi diventata Autoneum.

Swissmem è l'associazione dell'industria meccanica, elettrica e metallurgica svizzera (industrie MEM) e delle industrie connesse orientate alla tecnologia e conta circa 1100 aziende associate.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA