Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / ITALIA
1 ora
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
5 ore
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
SVIZZERA
6 ore
I Verdi approvano il piano climatico (da casa)
L'assemblea dei delegati ha pure deciso di dire «tre volte no» ai temi in votazione il prossimo 7 marzo.
FOTO
BERNA
7 ore
Corona-scettici scacciati dalla polizia
Un centinaio di persone si è ritrovato su Piazza federale per protestare contro le misure imposte dal Governo.
VIDEO
ZUGO
8 ore
Attorno alla polizia che balla "Jerusalema" scoppia la querelle
C'è chi ha accusato la Cantonale di non avere i diritti per la clip diventata virale
SAN GALLO
11 ore
Sei anni di carcere al rapinatore mascherato
Tra il 2016 e il 2019, il 27enne aveva colpito nove volte in banche e distributori di benzina della Svizzera orientale.
SVIZZERA
11 ore
Quei giovani rampanti diventati milionari vendendo FFP2 (inutilizzabili) all'esercito
E facendole pagare anche 9.90 l'una. Le ultime novità da un caso di cui si parla poco e che imbarazza Berna
ZURIGO
12 ore
Beccato con un chilo e mezzo di coca nello zaino
Un 23enne lettone, giunto in Svizzera con un volo dal Brasile, è stato fermato all'aeroporto di Zurigo-Kloten.
ZURIGO
13 ore
«Per sostenere l'economia più aperture domenicali dei negozi»
Da farsi a ridosso di Natale 2021, è la proposta di recuperare quelle "saltate" l'anno scorso di Carmen Walker Späh
GRIGIONI
14 ore
Fra hotel e scuole di sci, a St. Moritz previsti nuovi tamponi a tappeto
A partire da lunedì prossimo, l'obiettivo è essere sicuri che la variante britannica non si sia diffusa nel comune.
GLARONA
14 ore
Una frittura finita malissimo
Momenti di panico a Oberurnen dove una famiglia è stata costretta a rifugiarsi sul balcone dopo un incidente in cucina
SVIZZERA
19.08.2020 - 12:570
Aggiornamento : 14:28

Approvate le dimissioni anticipate di Lauber

Cade dunque la procedura di destituzione del procuratore generale della Confederazione

BERNA - Con l'inoltro delle sue dimissioni per la fine di questo mese, la procedura di destituzione avviata dalla Commissione giudiziaria del parlamento nei confronti del procuratore generale della Confederazione, Michael Lauber, non ha più ragion d'essere. È quanto indicato oggi dalla stessa istanza in una nota, in cui si precisa che il parlamento potrà decidere su un successore di Lauber in dicembre.

Oltre ad aver approvato le dimissioni anticipate - previste per il 31 dicembre 2021 con un termine di disdetta di sei mesi - la Commissione precisa che Lauber avrà diritto a un corrispettivo finanziario per i giorni di vacanza non goduti, secondo la prassi consueta prevista dal diritto in materia di personale.

La Commissione ha preso atto che il procuratore generale della Confederazione ha rassegnato le dimissioni nel rispetto delle disposizioni vigenti e ha proposto di ridurre il termine di disdetta di cinque mesi. Poiché la Commissione ha approvato questa riduzione, Lauber potrà andarsene il 31 agosto.

La nota non dice nulla sull'ammontare della somma che spetta ancora a Lauber. Davanti ai media, il presidente della commissione, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR), ha mantenuto il riserbo.

Con le dimissioni, la procedura di destituzione avviata il 20 maggio scorso dalla Commissione giudiziaria «diviene priva di oggetto, motivo per cui oggi l'ha sospesa formalmente con effetto dal primo settembre», ha poi aggiunto Caroni.

Stando al comunicato, l'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC) provvederà a garantire che, come previsto dalle disposizioni legali, le funzioni di Lauber siano esercitate dall'inizio di settembre dai due sostituti procuratori generali.

La Commissione intende sottoporre all'Assemblea federale la sua proposta per l'elezione del nuovo procuratore generale per il resto del periodo amministrativo nel corso della sessione invernale. Stando agli osservatori, gli attuali sostituti procuratori Ruedi Montanari e Jacques Rayroud non dovrebbero figurare tra i candidati al posto di Lauber. L'entrata in funzione del nuovo procuratore generale dipenderà dalla disponibilità dell'eletto, ha sottolineato Caroni.

Lauber, i problemi non sono finiti - Con la decisione odierna della Commissione giudiziaria di accogliere le dimissioni del procuratore generale e d'interrompere la procedura di destituzione, i problemi per Lauber non sono finiti.

Lo scorso 11 agosto, la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati (CAG-S) si è espressa infatti a favore della soppressione dell'immunità del procuratore generale, al centro di una vicenda giudiziaria a causa dei suoi incontri con il presidente della Federazione internazionale di calcio (FIFA) Gianni Infantino (vedi box). Il 24 agosto, toccherà alla Commissione specifica del Nazionale decidere se privare o meno Lauber dell'immunità.

Stefan Keller, il procuratore federale straordinario che si occupa del caso, vorrebbe perseguire Lauber per abuso di autorità, violazione del segreto d'ufficio, favoreggiamento e istigazione a tali atti. Keller ha inoltre avviato un procedimento penale contro Infantino e il primo procuratore dell'Alto Vallese Rinaldo Arnold, poiché è incaricato di esaminare le denunce penali legate a questa vicenda.

Dall'esame di due incarti relativi agli incontri non protocollati fra il procuratore generale, il presidente della FIFA e il primo procuratore dell'Alto Vallese, sono emersi «segni di un atto di rilevanza penale», aveva indicato a fine luglio l'AV-MPC.

La vicenda - Lauber aveva incontrato il presidente della FIFA e il procuratore dell'Alto Vallese nel giugno 2017. Secondo quanto dichiarato alla stampa dallo stesso procuratore generale nel novembre 2018, Arnold aveva trasmesso al responsabile dell'informazione del Ministero pubblico della Confederazione il desiderio dell'italo-vallesano Infantino d'incontrare il procuratore generale. Al primo incontro tra Infantino e Lauber ha partecipato, secondo quest'ultimo, anche il magistrato vallesano. Il procuratore generale della Confederazione, travolto dal caso, ha presentato formalmente le sue dimissioni lo scorso 24 luglio per la fine di agosto.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-24 00:11:55 | 91.208.130.89