keystone
SVIZZERA
07.07.2020 - 14:390
Aggiornamento : 20:37

Uber: ora anche a Friburgo, Sion e Yverdon

La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale.

A Sion e a Friburgo il servizio sarà fornito al 100% da taxi

GINEVRA - Uber si estende in Svizzera: la multinazionale americana che offre servizi di trasporto automobilistico privato attivabili attraverso un'applicazione mobile ha deciso di sbarcare anche a Friburgo, Sion e Yverdon (VD).

La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale, spiega in un comunicato la filiale elvetica del colosso californiano. L'anno scorso 95'000 persone hanno sollecitato una corsa dal capoluogo vallesano, 55'000 da Friburgo e 28'000 dal centro vodese che si affaccia sul lago di Neuchâtel.

A Sion e a Friburgo il servizio sarà fornito al 100% da taxi, in modo da rispettare le normative vigenti, precisa Uber. "Il nostro arrivo permetterà ai tassisti di aumentare l'utilizzo dei loro veicoli, di acquisire nuovi clienti e quindi di generare maggiori ricavi", afferma Jean-Pascal Aribot, direttore di Uber Svizzera, citato nella nota. Gli utenti di Yverdon saranno da parte loro messi in contatto con un taxi o un autista Uber.

L'impresa opera in dieci città elvetiche: Baden (AG), Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, Olten (SO), Winterthur (ZH), Zugo e Zurigo. A Ginevra la società è come noto impegnata in un braccio di ferro con le autorità cantonali: in novembre il consiglio di stato ha emanato un divieto di attività, contro cui è stato interposto ricorso. Al centro della vertenza figura lo status dei conducenti, che Uber non considera suoi dipendenti, e il pagamento dei loro contributi previdenziali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
avanti con questo sistema: le corse costano poco, nessuna professionalità, non pagano tasse, e poi si illudono di guadagnare . Ce ne sono già abbastanza di auto pubbliche senza questa invasione.
F/A-18 1 anno fa su tio
Questo progresso porterà a nuova disoccupazione, un giorno avremo l’80% della gente che non potrà lavorare e di conseguenza non potrà spendere. L’unica soluzione sarà un reddito di cittadinanza per chi non ha lavoro.
ciapp 1 anno fa su tio
e i nostri trasportatori non rinnovano le licenze ? andiamo bene ! no comment
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-02 17:58:14 | 91.208.130.87