Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
7 ore
Insulta la poliziotta e le spegne una sigaretta sul volto
ZURIGO
13 ore
Elettrodomestici: boom di climatizzatori
SVIZZERA
13 ore
«La campagna del PPD è come un'azione di mobbing»
SVIZZERA
14 ore
«Siamo i lobbisti del popolo, difendiamo il nostro futuro»
BERNA
14 ore
Migros richiama la sedia pieghevole "Foldy"
GRIGIONI
14 ore
Terribile scontro fra auto, morta una 49enne
SVIZZERA
15 ore
Zio Paperone torna negli Usa: gli svizzeri non sono i più ricchi
BERNA
17 ore
"Sì" al contrassegno autostradale elettronico?
SVIZZERA
17 ore
La pianificazione ospedaliera è a livello cantonale
SVIZZERA
17 ore
La Svizzera può contare su 140'304 militari
SVIZZERA
17 ore
In Svizzera c'è una sovraproporzione di robot industriali
SAN GALLO
17 ore
Condannato il pedofilo che abusava di bambine dell'Est
BASILEA CITTÀ
17 ore
Allo zoo di Basilea è nato un piccolo gorilla
ZURIGO
17 ore
UBS, cause in vista da parte dei creditori delle obbligazioni Folli Follie
ZURIGO
17 ore
L'autorità avverte Swiss: «C'è il rischio di incendio ai motori»
ZURIGO
09.07.2019 - 10:200
Aggiornamento : 20:11

Parlò male dei Testimoni di Geova, assolta

In un'intervista la dipendente di Infosekta li definiva come un gruppo altamente problematico e con un comportamento disumano, che non rispetta la libertà di coscienza e di religione

ZURIGO - Il tribunale distrettuale di Zurigo ha assolto una dipendente 48enne di Infosekta, un centro di consulenza sulle sette religiose, dall'accusa di diffamazione nei confronti dei Testimoni di Geova, presenti al processo come accusatore privato.

L'imputata nella sua funzione di dipendente di Infosekta aveva effettivamente fatto diverse dichiarazioni lesive dell'onore, ha detto il giudice, comunicando oralmente la sentenza. Tuttavia ciò non la rende automaticamente perseguibile. La 48enne è stata in grado di fornire la prova della verità e della sua buona fede.

I fatti contestati risalgono all'estate 2015. In un'intervista pubblicata su sito del "Tages-Anzeiger" e in un comunicato stampa di Infosekta la donna si era espressa in modo critico sul movimento religioso in questione.

I Testimoni di Geova venivano descritti come un gruppo altamente problematico e con un comportamento disumano, che non rispetta la libertà di coscienza e di religione. Il suo sistema chiuso al mondo esterno e la fede dogmatica che viene promossa favorirebbe gli abusi sessuali sui bambini e il loro occultamento. La donna sosteneva anche che il grande pubblico non fosse a conoscenza delle «gravi forme di violenza» che le persone sperimentano nella comunità religiosa, un'organizzazione che viene percepita all'esterno al massimo solo come un po' antiquata.

Con le sue «dichiarazioni non veritiere» l'imputata ha agito in modo dannoso per la reputazione dei Testimoni di Geova, si legge nell'atto d'accusa. Ha denigrato la comunità parlando di comportamento disonorevole. Il ministero pubblico proponeva una pena pecuniaria 6000 franchi (60 aliquote giornaliere di 100 franchi).

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 05:05:22 | 91.208.130.86