Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Messi in quarantena per sbaglio
Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti
Vallese
7 ore
Incendio sul tetto dell'ospedale
Non ci sono feriti, ma 59 pazienti sono stati evacuati dal piano superiore
SVIZZERA
10 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
SVIZZERA
11 ore
Cassis riceve a Berna il ministro degli esteri del Marocco
La visita di Nasser Bourita segna il centenario della presenza diplomatica elvetica nel paese africano
SVIZZERA
11 ore
Svizzera rimproverata per la discriminazione razziale
Un rapporto del Comitato delle Nazioni Unite esprime preoccupazione per la crescente emarginazione di minoranze etniche
Ginevra
11 ore
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
11 ore
«Obbligo di test per tutti? È eccessivo»
La reazione della Federazione svizzera del turismo alle odierne decisioni del Consiglio federale
LUCERNA
12 ore
Scontro a tre vicino a Lucerna, un ferito
Uno dei conducenti è rimasto ferito ed è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
13 ore
Questo caschetto non protegge il bambino
La società Bisal GmbH richiama il prodotto “No Shock OK Baby”
SVIZZERA
13 ore
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
28.01.2019 - 11:240
Aggiornamento : 12:40

«L'identificazione con il numero AVS è rischiosa»

Per le autorità federali e cantonali garanti della privacy, la protezione dei dati è in pericolo con l'utilizzo del numero AVS anche al di fuori del sistema di assicurazione

BERNA - Sussistono «seri rischi per la protezione dei dati» in merito all'utilizzo del numero AVS per l'identificazione anche al di fuori del sistema di assicurazione. Ne sono convinte le autorità federali e cantonali garanti della privacy, che oggi a Berna hanno tenuto una conferenza stampa sulle sfide del 2019. È stata presentata anche una guida sulla trasparenza in vista delle elezioni federali del prossimo autunno.

In futuro, il Consiglio federale intende consentire alle amministrazioni federali, cantonali e comunali di identificare i cittadini tramite il loro numero AVS in modo generalizzato nelle attività amministrative, anche se tale identificazione non ha nulla a che vedere con le assicurazioni sociali. Un progetto di legge in questo senso è in fase di consultazione fino al prossimo 22 febbraio.

Secondo Marc Buntschu, supplente dell'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFDT), l'adeguamento implica «seri rischi» e in occasione della Giornata della protezione dei dati, le autorità federali responsabili in questo ambito hanno richiesto di effettuare «valutazioni periodiche dell'impatto dei rischi». Inoltre, non dovrebbe esserci una fusione non autorizzata di banche dati. «Il numero AVS dovrebbe servire solo come numero di identificazione interna per le autorità e non per motivi commerciali», ha detto il preposto alla protezione dei dati, Adrian Lobsiger.

L'uso sistematico di un identificativo unico è problematico, ha aggiunto Buntschu questa mattina, precisando che un utilizzo settoriale sarebbe più appropriato: in caso di pirateria informatica, non verrebbe colpito l'intero sistema ma unicamente il settore interessato.

Elezioni federali: guida per la trasparenza - In vista dell'anno elettorale 2019, i partiti dovranno essere trasparenti su internet. Per l'occasione è stata elaborata una guida specifica dalla Privatim (Conferenza degli incaricati svizzeri per la protezione dei dati). Si tratta di una delle priorità per quest'anno, ha indicato Lobsiger, secondo cui il trattamento di dati per finalità politiche richiede un livello di protezione superiore a quello applicabile alle attività commerciali.

Il rinnovo del Parlamento - così come le elezioni cantonali - è esposto a procedure di trattamento dei dati completamente nuove che hanno un impatto sulla formazione dell'opinione pubblica, hanno spiegato questa mattina ai media a Berna.

La guida, incentrata sul trattamento digitale dei dati personali, chiede a partiti, fornitori di servizi e social media interessati di rendere chiari e comprensibili gli interventi digitali volti a influenzare la volontà degli elettori e delle elettrici.

I cittadini non devono essere «tratti in inganno» da indicazioni fuorvianti sul mittente di questi messaggi: essi devono sapere se stanno comunicando con persone fisiche oppure con computer (ad esempio i "social bots"). Inoltre, deve essere necessario sapere se il mittente ha fatto ricorso all'intelligenza artificiale oppure se utilizza informazioni raccolte sui social media ("social match") per scopi politici.

Legge Schengen - Il prossimo primo marzo entrerà in vigore la nuova legge sulla protezione dei dati in ambito Schengen e anche le autorità federali e cantonali saranno tenute ad applicare le modifiche. Queste porranno però "sfide particolari" per alcune autorità, poiché la Legge sulla polizia (LPol), unificata nei Cantoni, non lo è a livello federale. Le autorità competenti sono infatti tre, che dispongono delle rispettive banche dati: l'Ufficio federale di polizia (fedpol), il Servizio delle attività informativa della Confederazione (SIC) e il Corpo delle guardie di confine (Cgcf).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 05:02:20 | 91.208.130.85