Immobili
Veicoli

AUTOMOBILISMOCamathias si ritira

09.11.22 - 17:18
«Io un privilegiato, passione ereditata dal mio amato papà Romeo»
Joel Camathias
Camathias si ritira
«Io un privilegiato, passione ereditata dal mio amato papà Romeo»
Tanti successi e tanta fatica per Camathias.
SPORT: Risultati e classifiche

LUGANO - Dopo 28 anni di attività agonistica, Joel Camathias appende il casco al chiodo. «Ho pensato fosse il caso di farlo sapere - spiega il pilota ticinese - sebbene questo non voglia essere un annuncio formale e forse non è nemmeno una decisione molto meditata. Piuttosto, è qualcosa che è capitato, che mi è venuto incontro. Pensando a dover riprendere l’estenuante giro di contatti, incontri, presentazioni per trovare un sedile e un programma per il 2023, dopo un’annata sabbatica non voluta, ho realizzato che non ero nella disposizione giusta per ricominciare a fare tutto ciò. Inoltre, correre in GT, anche da semi-professionista, richiede oggi un impegno pieno e anche così, è sempre più difficile competere con ragazzi molto giovani, veloci e di talento, che passano la vita a correre, provare e allenarsi al simulatore. Puoi essere bravo quanto vuoi, mettercela tutta, avere tanta esperienza, ma non puoi stare al loro passo. Crescendo negli anni, la focale si allarga, magari non cambia del tutto ma non è più concentrata solo su una cosa, specie ora che sono papà di due bambini piccoli e alla guida dell’azienda familiare, due ruoli che mi occupano molto e sono altrettanto appaganti».

Il luganese si esprime senza alcuna amarezza, al contrario: «Mi sento un privilegiato per aver potuto vivere la mia passione, ereditata dal mio amato papà Romeo, e fiero di quanto conseguito. Come sempre nella vita, col senno di poi, alcune cose sarebbero potute andare diversamente, e ci sono stati momenti frustranti, ma i bei ricordi, le vittorie più marcanti, le tante esperienze vissute, e soprattutto il piacere di guidare e di correre contano molto di più. Sono grato a chi mi ha sostenuto e aiutato durante tutti questi anni, e in primo luogo, alla mia famiglia. Sicuramente mi mancherà l’adrenalina delle corse ma rimarrò sempre un pilota e un corridore».

Joel Camathias (41 anni) ha iniziato a correre coi kart all’età di 14 anni, per poi cimentarsi con le monoposto, arrivando sino alla F.3000 in Europa e alla Champ Car (oggi Indycar) in America. Nel 2004 il passaggio alle gare Gran Turismo dove ha conquistato numerosi successi, vincendo il titolo LMS GT2 nel 2006 e l’International GT Open due volte (2007 e 2009). Nel 2008, ha ottenuto la vittoria in GT2 victory alla 24 Ore di Spa-Francorchamps. Ha corso anche in FIA-GT, ELMS e WEC, tra altre grandi serie, e partecipato due volte alla 24 Ore di Le Mans. L’ultimo suo grande successo è la vittoria GTE-Am firmata nell’ELMS a Portimão nel 2017.

COMMENTI
 
seo56 3 sett fa su tio
🤐🤐
Righe76 3 sett fa su tio
Bel articolo di chi non sa come spenderli! Sono contento per lui che appende il casco al chiodo, ma dal successo del 2017 al 2022 come l’ha portata a casa la pagnotta?
NOTIZIE PIÙ LETTE