Cerca e trova immobili

SENZA TRUCCO SENZA ING…ARNOIl Manchester City deve temere… il Manchester City

07.06.23 - 08:00
Guardiola-boys fantastici «Ma hanno anche un pizzico di paura»
Imago
Il Manchester City deve temere… il Manchester City
Guardiola-boys fantastici «Ma hanno anche un pizzico di paura»
Arno Rossini: «L’Inter giocherà con una leggerezza che il City non avrà».
Calcio - Champions UEFA10.06.2023

LIVE

Manchester City
1 - 0
Inter
CALCIO: Risultati e classifiche

ISTANBUL - Ha una rosa ricca di campioni, uno degli allenatori migliori nella storia del calcio, gioca bene e vince spesso. Inutile nascondersi, il Manchester City è il grande favorito nell'ormai prossima finale di Champions League. Di fronte a loro i Citizens troveranno però un avversario in fiducia, carico e motivatissimo. Troveranno un’Inter che non ha alcuna intenzione di vestire i panni della vittima sacrificale.

«È tutto vero - è intervenuto Arno Rossini - A pensare alla partita salta all'occhio la qualità, la forza e l'esperienza della truppa di Pep Guardiola. A Manchester hanno vinto il campionato, la sempre complicatissima Premier League, e hanno appena vinto la FA Cup; ora vogliono chiudere il cerchio dimostrando anche in Europa di essere i migliori. Sono i miei favoriti ovviamente. Toccato il fondo, nelle ultime settimane i nerazzurri hanno però saputo infilare una serie impressionante di risultati positivi. Sono risaliti nella classifica di Serie A, riguadagnando la qualificazione alla prossima Champions, hanno vinto la Coppa Italia… Stanno bene insomma. E sono convinti di poter scrivere una pagina di storia».

Saranno costretti a completare un’impresa…
«In Italia hanno fatto il minimo sindacale, perché chiudere l'anno così distante dal Napoli non può essere considerato soddisfacente. Però in Europa hanno sempre convinto. In più affronteranno questa partita con una leggerezza che il City invece non avrà. Hanno poco da perdere e hanno già dimostrato di sapersi esaltare nelle difficoltà. Non partono quindi certo battuti. Se poi il match dovesse incanalarsi sui binari a loro favorevoli, andassero per esempio in vantaggio, ecco che le loro quotazioni salirebbero incredibilmente. A quel punto sarebbero i britannici a traballare. I citizens hanno tante soluzioni offensive differenti ma giocheranno anche con un pizzico di paura. Se il punteggio non dovesse sbloccarsi, con il passare dei minuti crescerebbe la possibilità dei nerazzurri di piazzare il colpo».

Haaland nemico pubblico numero uno per la Beneamata?
«No, credo invece che l'uomo più importante sia de Bruyne, che ha un po' cambiato il suo modo di giocare negli ultimi mesi e attorno al quale gira tutta la squadra. Se si accende lui, per l'avversario di turno sono guai. Haaland, tornando al norvegese, è l'esempio perfetto del cambiamento del gioco di Guardiola, uno che evolve anche nella sua… evoluzione. In passato pensare a un attaccante del genere in una squadra dello spagnolo era impossibile; avete invece visto adesso quanto sta rendendo la punta?».

E il pericolo pubblico numero uno per i biancocelesti? Lukaku magari? Lautaro Martinez? Dzeko?
«Penso che il City debba temere… il City. Se non riuscirà a giocare come sa, se si farà bloccare dalla tensione, se comincerà a pensare, allora potrebbe fare molta fatica. Per l'Inter in tutto ciò avrà ovviamente un ruolo importante Inzaghi, che ha ripreso saldamente in mano il timone della squadra. Il mister dovrà cercare di controllare il centrocampo, facendo giocare i suoi con aggressività. Se saprà impostare la tattica giusta, che credo sarà di attesa e ripartenza, allora potrà realmente arrivare al trionfo».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE