CALCIOOkafor a San Siro per una sfida da dentro o fuori: «Milan grande club con una storia leggendaria»

01.11.22 - 17:45
Mercoledì sera il Salisburgo dovrà vincere per forza se vorrà qualificarsi per gli ottavi di Champions
Imago
Okafor a San Siro per una sfida da dentro o fuori: «Milan grande club con una storia leggendaria»
Mercoledì sera il Salisburgo dovrà vincere per forza se vorrà qualificarsi per gli ottavi di Champions
Fra qualche settimana l'attaccante della nostra Nazionale farà di tutto per mettersi in mostra ai Mondiali in Qatar
Calcio - Champions UEFA02.11.2022

LIVE

Milan
4 - 0
Red Bull Salzburg
CALCIO: Risultati e classifiche

SALISBURGO - Con nove reti all'attivo fra campionato e Champions League Noah Okafor è attualmente uno dei giocatori più prolifici del continente. Alla luce di ciò l'attaccante del Salisburgo e della nostra nazionale sta attirando su di sé le attenzioni di diversi club europei. Fra questi c'è anche il Milan, squadra che si troverà di fronte mercoledì a San Siro in una sfida decisiva: se vorranno passare il turno gli austriaci dovranno portare via i tre punti. In caso invece di pareggio o sconfitta sarebbero gli italiani ad accedere alla seconda fase della competizione. 

«Non abbiamo l’obbligo di vincere, arriveremo a Milano senza pressioni - ha dichiarato proprio Okafor a La Gazzetta dello Sport - Saremmo contenti se riuscissimo a proseguire il cammino europeo. Meglio se in Champions».

Proprio Paolo Maldini e la dirigenza rossonera, in occasione del match disputato il 6 settembre alla Red Bull Arena, sono rimasti ammaliati dalle qualità del calciatore: «Un passo per volta, ora penso al Salisburgo. Preferenze per il futuro? No. Che sia Inghilterra, Spagna, Italia o Germania, ogni campionato e ogni club ha un fascino particolare. Quando ci sarà qualcosa di concreto valuteremo. Ad ogni modo il Milan è un grande club, con una storia leggendaria». 

Una nuova vetrina per il classe 2000 potrebbe essere la Coppa del Mondo in Qatar: «Abbiamo meritato di qualificarci per i Mondiali, superando una grande squadra come l'Italia che solo pochi mesi prima aveva vinto l'Europeo. Ora speriamo di fare bene anche in Qatar...».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE