SERIE ADalle minacce al dietrofront: «Qui falliscono tutti»

10.05.20 - 22:44
Massimo Cellino, patron del Brescia, ha cambiato idea: «Mi adeguo alla maggioranza, bisogna riprendere il campionato»
Keystone
Dalle minacce al dietrofront: «Qui falliscono tutti»
Massimo Cellino, patron del Brescia, ha cambiato idea: «Mi adeguo alla maggioranza, bisogna riprendere il campionato»
CALCIO: Risultati e classifiche

BRESCIA - Brusco dietrofront di Massimo Cellino, presidente del Brescia che - se così si può dire - capitanava il gruppo dei contrari alla ripresa della Serie A. «La stagione può considerarsi finita, se si riprenderà a giocare io non schiererò la squadra», aveva detto e ripetuto il patron della Rondinelle, scagliatosi più volte anche contro Claudio Lotito («Raglio d'asino non giunge in Paradiso, si dice: io ascolto solo chi è degno di essere ascoltato»).

E adesso? La parola d'ordine si è trasformata in "Ripartire", con Cellino che dopo minacce ha cambiato la propria linea: «Mi adeguo alla maggioranza, ho cambiato idea», ha spiegato a "La Repubblica". «Bisogna tentare di riprendere il campionato, altrimenti qui falliscono tutti», ha aggiunto, bocciando però l'ipotesi di finire il campionato su "campo neutro". «In Lombardia è ancora complicato fare i test medici, ma se si gioca io resto al Rigamonti, nessun campo neutro». 

Ora si attendono novità dal Governo, che in settimana dovrebbe decidere i prossimi passi e, di conseguenza, il probabile destino della Serie A.

 

COMMENTI
 
tazmaniac 2 anni fa su tio
e per quale motivo dovrebbero fallire tutti? per 13 partite non giocate? Mah...si finisce qui, si assegnano i posti champions e uefa in base alla classifica attuale e basta, da agosto/settembre, si riparte.
NOTIZIE PIÙ LETTE