Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ospite
Ospite
5 ore
Summit Ucraina a Lugano? Meglio di no
Il contributo del consigliere comunale della Lega di Lugano Omar Wicht
L'OSPITE
1 gior
Disoccupati sì, ma numeri no
Maruska Ortelli, Gran consigliera per la Lega dei Ticinesi
L'OSPITE
4 gior
No ai tagli sulla scuola pubblica
Filippo Beroggi, studente e co-coordinatore SISA
L'OSPITE
4 gior
No alle violazioni dei diritti umani – No all’ampliamento di Frontex
Un contributo di Erika Franc, I Verdi, Bellinzona
L'OSPITE
4 gior
Lupo: per una gestione ragionevole, senza ideologia
Presa di posizione del PLRT
L'OSPITE
5 gior
No all’austerità miope, sì ad un intervento pubblico programmatore!
Zeno Casella, membro della direzione del Partito Comunista
L'OSPITE
1 sett
Lupo: è ora di agire per la salvaguardia del settore primario ticinese!
Per il PPD Simone Ghisla, Stefano Imelli e Valentina Rossi
L'OSPITE
1 sett
No convinto a Morisoli il 15 maggio
Maura Mossi Nembrini, granconsigliera per Più Donne
L'OSPITE
1 sett
No ad un duplice attacco il 15 maggio
Graziano Pestoni, presidente dell'Associazione per la difesa del servizio pubblico
L'OSPITE
1 sett
Decreto di risanamento: votiamo Sì, o le tasse aumenteranno
di Lorenzo Quadri, Municipale e consigliere nazionale Lega dei Ticinesi
L'OSPITE
1 sett
Pareggio dei conti, una misura moderata e ragionevole
Piero Marchesi, Consigliere nazionale UDC
L'OSPITE
1 sett
Votazione cantonale del prossimo 15 maggio: meglio fare il “gioco del contrario”
Un contributo dell'avvocato Pierluigi Pasi, comitato “Sì al Decreto risanamento dei conti entro il 2025”
L'OSPITE
1 sett
«I conti devono tornare in pareggio»
Paolo Caroni, granconsigliere PPD, membro comitato di sostegno al decreto e già vicesindaco Città di Locarno
L'OSPITE
04.04.2020 - 10:150

Grazie a chi non si ferma

ATAN

In questo tempo di emergenza abbiamo, tra le altre cose, (ri)scoperto l’importanza vitale (è proprio il caso di dirlo!) di molte professioni. Dai trasportatori agli spedizionieri; dai contadini agli addetti del supermercato; dal personale sanitario a quello sociale; dagli agenti di polizia ai militari.

Tutte persone che attraverso il loro lavoro garantiscono la tenuta del nostro sistema. Tutti, in qualche modo, da applaudire e ringraziare.

Questi professionisti infatti oltre a non essersi fermati durante l’emergenza, hanno in molti casi aumentato il loro carico di lavoro.

Tra loro, molti sono genitori che già prima della crisi sanitaria si appoggiavano a strutture socioeducative quali asili nidi, centri extrascolastici o mamme diurne, per riuscire a conciliare impegno famigliare e lavoro.

Alcuni altri, invece, potevano far conto sull’importante aiuto dei nonni (opzione questa impraticabile oggi), per la cura dei loro piccoli.

È dunque grazie al lavoro che le strutture d’accoglienza hanno continuato, e continuano, a garantire che molti dei professionisti impiegati in ambiti strategici e indispensabili hanno potuto, e possono, continuare a svolgere il loro importante servizio.

Queste strutture, che ATAN rappresenta a livello cantonale, continuano infatti ad essere attive e pronte a garantire la conciliabilità famiglia-lavoro a quanti non hanno altre opzioni di custodia per i loro figli.

L’organizzazione e il personale impiegato nei servizi ticinesi d’accoglienza all’infanzia ha dato prova, in questo drammatico frangente, di grande flessibilità, professionalità e senso di servizio. Alcune strutture non stanno al momento operando, una buona parte invece sta lavorando in maniera molto ridimensionata, ma tutte sono organizzate e disponibili a garantire e modulare il loro servizio in caso di necessità.

ATAN fin dall’inizio dell’emergenza ha svolto, e continua a svolgere, un ruolo di coordinamento delle strutture (associate e non), al fine di favorire e garantire una risposta organica del settore. Ciò è stato attuato attraverso il lavoro di coordinamento delle azioni e comunicazioni alle strutture; tramite l’attività di consulenza e supporto e attraverso il costante e continuo dialogo con i vari organi cantonali e federali.

In particolare, il lavoro svolto in stretta collaborazione con l'Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani (UFaG), che ringraziamo sentitamente per l’abnegazione e la vicinanza che ha garantito al nostro settore, è stato l’elemento che più ha permesso alle strutture d’accoglienza dell’infanzia di erogare una certa, solerte e univoca risposta su tutto il territorio ticinese.

ATAN si impegna tutt’ora a garantire questa funzione di rappresentanza e coordinamento affinché le strutture d’accoglienza possano continuare a offrire, in maniera puntuale e organizzata, il loro contributo allo svolgimento delle professioni essenziali per la tenuta del nostro sistema.

Un’attenzione particolare è stata riservata alle norme igieniche da applicare nelle strutture (pur con tutte le difficoltà rappresentate dalla relazione con bambini anche piccoli), nella tutela della salute dei minori e dei lavoratori.

Grazie all’interessamento di Marco Galli, capo ufficio di UFaG, e alla fattiva collaborazione con il signor Daniele Intraina (ATIS), ATAN ha potuto contare su una prima fornitura di mascherine da mettere a disposizione del personale operante in questo momento nei nidi d’infanzia, nei centri extrascolastici o presso la propria abitazione (mamme diurne). Tali ausili, grazie ad un contributo riconosciuto ad ATAN da UFaG, saranno messi a disposizione gratuitamente.

A tal proposito vorremmo ringraziare tutti gli organi cantonali (in primis il DSS ed in particolare UFaG e l’ufficio del Medico Cantonale) e tutto il personale operante nel nostro settore per la maturità e professionalità della risposta che complessivamente il nostro settore ha saputo erogare.

Oggi più che mai, ATAN si offre quale strumento di coesione e appartenenza, quale canale privilegiato di informazione e supporto, quale interlocutore presente e importante nei confronti del Cantone a tutela, difesa e promozione di tutto il settore dell’accoglienza all’infanzia.

In ultimo vorremmo invitare tutti, quando giustamente ancora applaudiremo quanti si stanno sacrificando per un bene superiore e comune, a ricordare l’umile e silenzioso lavoro dei tanti educatori e mamme diurne che attraverso il loro mettersi in gioco quotidianamente offrono un prezioso, e spesso invisibile, contributo alla nostra società.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 11:47:37 | 91.208.130.89