Cerca e trova immobili
Un'esplosione di libertà

CANTONEUn'esplosione di libertà

08.07.24 - 06:30
Con "Hollow" gli Snakes In My Head trattano il delicato tema della salute mentale
SNAKES IN MY HEADS
Un'esplosione di libertà
Con "Hollow" gli Snakes In My Head trattano il delicato tema della salute mentale

LUGANO - Si intitola "Hollow" il terzo singolo pubblicato dagli Snakes In My Head, band alternative rock di Lugano nata nel 2020. È un brano dalla valenza particolare per la band: si tratta del primo che viene accompagnato da un videoclip. Ed è proprio da questo che partiamo insieme a Luca Davide Bassi che, oltre a essere il chitarrista del gruppo, è anche il videomaker che ne ha curato la realizzazione.

Cosa avete voluto raccontare nel video?
«Siamo ovviamente partiti dal testo della canzone. Si parla di depressione, bipolarità e dell'essere, per chi ne è afflitto, il peggior nemico di se stesso. Abbiamo voluto evidenziare i tanti alti e bassi di questa condizione: "Fammi ridere ancora", ma anche "Fammi piangere ancora"».

C'è un forte gioco di dualismi.
«È il contrasto interno del protagonista, che viene reso con immagini in bianco e nero oppure molto più luminosi. Anzi, ci sono delle vere e proprie esplosioni di colori. Il disturbo infatti ti porta a vivere le emozioni in modo molto complesso e imprevedibile».

Già dal titolo del brano si percepisce questa sensazione di vuoto, una mancanza di un punto fisso...
«Questa buca, o cavità che dir si voglia, è la conseguenza della malattia mentale. Non si riesce a raggiungere un obiettivo e questo turbinio di emozioni ti fa vacillare».

Cosa vi ha spinto ad affrontare questa tematica così, di petto?
«È una problematica che viene sempre più trattata all'interno della società, anche se lo stigma è ancora ben presente. Per noi si è trattato di uno spunto molto profondo e personale».

Anche sul lato musicale assistiamo a una dualità: un inizio "tranquillo" e una progressione sempre più potente e incalzante.
«È stato abbastanza involontario, in realtà. La canzone a un certo punto "esplode" e, siccome il testo parla di raggiungere le stelle, mi sono immaginato nel video un'elaborazione di noi che siamo letteralmente "posseduti" dagli astri dell'universo. È il volersi liberare da tutto».

Con questa canzone non vi rivolgete solo ai puristi dell'hard rock.
«Sai, noi non facciamo nulla di rivoluzionario: abbiamo un approccio che prende tanto dal vecchio che dal nuovo. "Hollow" ha un riff molto anni '80 che si combina con elementi più moderni. Questo è merito anche delle svariate influenze di ogni membro del gruppo, che vanno dal grunge all'heavy metal, senza dimenticare il punk rock».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE