Immobili
Veicoli
Keystone
SVEZIA
29.01.2021 - 11:520

Con la pandemia scendono i ricavi di H&M: -18%

Particolarmente colpiti gli affari durante la prima e la seconda ondata

STOCCOLMA - Il colosso svedese dell'abbigliamento Hennes & Mauritz (H&M) ha chiuso il 2020 con ricavi per 187 miliardi di corone svedesi (20 miliardi di franchi), in calo del 18% sul 2019, a causa degli impatti negativi della pandemia, subiti specialmente nel secondo trimestre dell'anno quando i negozi sono rimasti chiusi nella maggior parte dei mercati. I profitti del gruppo, si legge in una nota, sono scesi del 91% a 1,24 miliardi di corone (130 milioni di franchi).

«Il gruppo H&M si mantiene forte dopo tutte le sfide portate dalla pandemia. Grazie a collezioni molto apprezzate, una rapida e redditizia crescita online e a un stretto controllo dei costi, la società è riuscita a finire l'anno in utile e con una forte posizione finanziaria», ha commentato la Ceo Helena Helmersson. A fine novembre, chiusura dell'esercizio fiscale, H&M disponeva di 16,5 miliardi di corone di disponibilità liquide, che salgono a 46,6 miliardi considerando le linee di credito disponibili, e un rapporto tra debito ed Ebitda pari a 0.

Il quarto trimestre dell'anno ha registrato vendite nette per 52,5 miliardi di corone, in calo del 10%, dopo che una forte ripresa all'inizio del periodo è stata «significativamente rallentata» quando la seconda ondata di pandemia ha condotto a nuove restrizioni e lockdown, con circa il 20% dei negozi chiusi. Nel periodo l'utile è sceso da 4,2 a 2,48 miliardi di corone.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 01:23:05 | 91.208.130.89