Depositphotos (fotovincek)
La Commissione Ue ha risposto positivamente alla richiesta di eliminare gradualmente l'allevamento degli animali nelle gabbie.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
36 min
Forte scossa di terremoto al largo dell'Alaska
È stata diramata un'allerta tsunami
BELGIO
1 ora
Vittime del maltempo, aperta un'inchiesta per omicidio colposo
Si cercano eventuali responsabili che hanno commesso errori di previsione o di mancata prudenza
KENYA
4 ore
Una ferrovia da miliardi, ma a discapito della fauna selvatica
La Standard Gauge Railway, che attraversa due parchi nazionali, ha «degradato» e rovinato diversi ecosistemi
STATI UNITI / SPAGNA
11 ore
Dieci milioni per la «negligenza» che uccise le quattro turiste spagnole
L'accusa ha attaccato la mancata «competenza» dell'autista del camion commerciale che ha provocato l'incidente
REGNO UNITO
12 ore
Il rischio di trombosi rare non aumenta con la seconda dose di AstraZeneca
Lo afferma uno studio pubblicato su Lancet, finanziato e condotto dalla stessa azienda anglo-svedese
FRANCIA
13 ore
Due fermi per la rapina in monopattino da Chaumet
Una parte consistente del bottino, che ammonta a circa 3 milioni di euro, era in loro possesso.
COREA DEL SUD
13 ore
Tanto caldo, da rendere verde l'acqua
L'ondata di calore ha provocato anche una fioritura di alghe verdi, che hanno dato colore al lago Daecheong
ITALIA
15 ore
Nella lista dei patrimoni Unesco anche i portici di Bologna
Con questa terza nomina l'Italia si trova in cima alla classifica mondiale
ITALIA
15 ore
Lario invaso dai detriti, iniziata la conta dei danni
Sono decine le abitazioni evacuate, il presidente lombardo Fontana assicura: «La nostra attenzione sarà massima»
GERMANIA
16 ore
«Purtroppo non crediamo che troveremo vivi i dispersi»
Proseguono le operazioni di soccorso al Chempark di Leverkusen, colpito ieri da un'esplosione
ITALIA
17 ore
De Rienzo, arrestato il presunto pusher che gli avrebbe venduto l'eroina
L'uomo al momento è accusato di cessione di stupefacenti
UNIONE EUROPEA
01.07.2021 - 19:440

L'Ue fa il primo passo per l'eliminazione degli allevamenti in gabbia

L'iniziativa dei cittadini europei è stata accolta positivamente: entro il 2023 arriverà una proposta legislativa

BRUXELLES - La Commissione europea ha deciso di accogliere la richiesta avanzata nella raccolta firme "End The Cage Age", sostenuta da oltre un milione di cittadini.

Entro il 2023 verranno presentati piani per eliminare gradualmente - e infine vietare - le gabbie negli allevamenti di galline, conigli e altri animali da cortile. Lo stesso vale per i recinti individuali dei vitelli e delle scrofe. «La proposta farà parte della revisione in corso della legislazione sul benessere degli animali nell'ambito della strategia Farm to Fork» spiega la Commissione nel suo comunicato stampa.

Stella Kyriakides, Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: «Gli animali sono esseri senzienti e abbiamo la responsabilità morale e sociale di garantire che le condizioni degli animali nelle fattorie lo riflettano. La risposta di oggi è un passo fondamentale verso un'ambiziosa revisione della legislazione sul benessere degli animali nel 2023, una priorità sin dall'inizio del mio mandato. Sono determinata a garantire che l'Ue rimanga in prima linea nel benessere degli animali sulla scena globale».

Verso un allevamento più sostenibile - "End The Cage Age", letteralmente "Basta con l'epoca delle gabbie", riflette la richiesta di una transizione verso sistemi di allevamento più etici e sostenibili, compresa una revisione delle norme Ue esistenti sul benessere degli animali. «Rispondere a questa domanda della società è un'alta priorità per la Commissione, in linea con i suoi impegni» non solo nella già accennata Farm to Fork, ma anche nel Green Deal europeo.

Il Commissario per l'agricoltura Janusz Wojciechowski ha dichiarato: «Non può esistere un sistema alimentare sostenibile senza elevati standard di benessere degli animali. Grazie ai nostri cittadini, la Commissione sarà ancora più ambiziosa al riguardo e abolirà gradualmente l'uso di sistemi di gabbie per gli allevamenti di animali. Questa iniziativa dei cittadini conferma solo che questa transizione risponde anche a una domanda della società per un'agricoltura più etica e sostenibile».

La proposta - La proposta della Commissione Ue riguarderà galline ovaiole, scrofe, vitelli ma anche conigli, pollastre, ovaiole, polli da carne, quaglie, anatre e oche. «Per questi animali, la Commissione ha già chiesto all'EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) d'integrare le prove scientifiche esistenti per determinare le condizioni necessarie per il divieto delle gabbie». In parallelo si cercherà di facilitare una transizione equilibrata ed economicamente sostenibile verso l'agricoltura senza gabbie. Si prevedono quindi misure di sostegno specifiche in settori chiave correlati, come il commercio, la ricerca e l'innovazione. «In particolare, la nuova politica agricola comune fornirà sostegno finanziario e incentivi – come il nuovo strumento per gli eco-schemi – per aiutare gli agricoltori a passare a strutture più rispettose degli animali in linea con i nuovi standard. La Commissione garantirà inoltre che siano messe a disposizione risorse finanziarie aggiuntive per sostenere gli agricoltori nella transizione verso sistemi senza gabbie».

I prossimi passi - Poiché la fine dell'uso delle gabbie richiederà modifiche agli attuali sistemi di allevamento, la Commissione esaminerà le implicazioni socioeconomiche e ambientali delle misure da adottare e i benefici per il benessere degli animali in una valutazione d'impatto da completare prima della fine del 2022. In questo contesto, al più tardi entro l'inizio del prossimo anno sarà effettuata una consultazione pubblica. L'eventuale legislazione potrebbe entrare pienamente in vigore nel 2027.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-29 10:31:30 | 91.208.130.85