Keystone
STATI UNITI
16.12.2020 - 08:440

Infine, parla anche il leader dei repubblicani al Senato: «Oggi, voglio congratularmi con il presidente eletto Joe Biden»

A più di un mese dal voto anche il massimo rappresentante del partito di Trump al Congresso riconosce la sconfitta.

Ma ammette: «Molti milioni di noi hanno sperato che le elezioni presidenziali avessero un risultato diverso».

WASHINGTON - E infine il riconoscimento della vittoria di Joe Biden da parte dei vertici del Partito Repubblicano è arrivato. Il giorno dopo la conferma decretata dal collegio elettorale e a 38 giorni dalle elezioni, il leader del partito di Donald Trump al Senato si è congratulato con il collega democratico e la sua vice.

«Oggi voglio congratularmi con il presidente eletto Joe Biden», ha dichiarato Mitch McConnel intervenendo alla Camera alta del Congresso americano. «Il presidente eletto non è un estraneo per il Senato. Si è dedicato al servizio della collettività per molti anni», ha aggiunto, ricordando i 36 anni di Biden tra i banchi dell'austera aula.

McConnell ha quindi espresso soddisfazione per l'elezione alla vicepresidenza di Kamala Harris, prima donna a ricoprire questo ruolo. «Voglio altresì congratularmi con la vicepresidente eletta, la nostra collega dalla California senatrice Harris», ha affermato il 78enne repubblicano. «Al di là delle nostre divergenze, tutti gli americani possono essere orgogliosi di avere una presidente eletta donna», ha aggiunto.

McConnell, tuttavia, non ha nascosto la propria frustrazione per l'esito del voto: «Molti milioni di noi hanno sperato che le elezioni presidenziali avessero un risultato diverso», ha ammesso. «Ma il nostro sistema di governo ha dei processi che determinano chi presterà giuramento il 20 gennaio prossimo», ha sottolineato.

Le parole del senatore rompono con settimane di implicita negazione, da parte della maggior parte dei repubblicani, della vittoria di Biden ed Harris, decretano la fine del silenzio assenso ai tentativi di ricorso di Trump e spianano la strada al voto del 6 gennaio prossimo per la ratifica dell'elezione.

Donald Trump contesta il risultato delle elezioni del 3 novembre scorso dichiarandosi vittima di vasti brogli. Tutti i ricorsi del 74enne presidente uscente sono stati però respinti dalla giustizia per assenza di prove o difetti procedurali.   

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Apollo 9 mesi fa su tio
Biden ha vinto. Altro che rielezione nel 2024 per Trump. Questa persona è un pericolo per la sicurezza gli Stati Uniti d'America e va trattata di conseguenza.
Moga 9 mesi fa su tio
Piantatela di scrivere che Biden è stato eletto: la vera elezione avverrà il 6 gennaio, fino ad allora silenzio!
F/A-19 9 mesi fa su tio
@Moga Trump dovrà fare le valige e dovrà rispondere penalmente di parecchie cose, diciamo che ha un futuro già bello programmato.
cle72 9 mesi fa su tio
Aspettando il prossimo twitt ridicolo di Trump! Chissà magari dirà che il suo massimo esponente del partito è stato comprato.
LucaAstro 9 mesi fa su tio
Finalmente! Era ora che si mandasse a quel paese il peggior presidente di sempre!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 17:56:34 | 91.208.130.85