Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
SPAGNA/STATI UNITI
6 ore
McAfee trovato morto in cella
Il papà dell'antivirus più famoso del mondo spava per essere estradato dalla Spagna
ITALIA
7 ore
Il ritrovamento del piccolo Nicola: «Chiamava la mamma»
Una storia a lieto fine quella del bambino di due anni scomparso a Palazzolo sul Senio. Ma resta il mistero
ITALIA
10 ore
Ddl Zan, Draghi: «Siamo uno stato laico. Il Parlamento è libero»
Il governo italiano, ha detto il "premier", «non entra nel merito della discussione».
ITALIA
10 ore
In Lombardia AstraZeneca «non ci serve più»
Le parole di Guido Bertolaso: «Servono 300mila dosi per le seconde dosi agli over 60. Stiamo vincendo la sfida»
STATI UNITI
10 ore
Gli insulti social di una cheerleader arrivano alla Corte Suprema
Il caso della sfuriata su Snapchat di una 14enne giudicato oggi a Washington. E un motivo c'è
UNIONE EUROPEA
11 ore
Incognita Delta: «Entro fine agosto 9 casi su 10»
In Europa la variante indiana galoppa. Il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie mette in guardia
MONDO
12 ore
Allarme ONU sull'emergenza climatica: «È a rischio l'intera umanità»
I toni molto allarmanti di un nuovo rapporto riportano l'attenzione su una minaccia reale ma che ci eravamo dimenticati
VIDEO
FRANCIA / SVIZZERA
14 ore
Un tornado spazza via un tetto, a pochi passi dalla Svizzera
Il turbine ha anche sradicato diversi alberi presenti in zona
GERMANIA
14 ore
L'UEFA: «Noi per i diritti LGBT, era Monaco che voleva politicizzare la cosa»
La federazione del calcio europeo spiega la sua controversa decisione e si colora di "rainbow".
EURASIA
14 ore
Mar Nero: bombe e spari d'avvertimento contro una nave britannica
Tensione tra Russia e Regno Unito nel Mar Nero: la nave britannica sarebbe entrata in acque russe
ITALIA
15 ore
Focolaio di variante Delta: «In 300 devono ancora fare il test»
Tutti i tamponi effettuati nel corso dell'indagine non hanno dato nuovi esiti positivi
CINA
15 ore
Ultime ore di vita per l'Apple Daily
A partire da mezzanotte il tabloid non aggiornerà più il sito. E quella di domani sarà l'ultima edizione cartacea
UNIONE EUROPEA
07.12.2020 - 20:490

Von der Leyen-Johnson, ora gestiamo noi la Brexit

I due leader si vedranno di persona nei prossimi giorni per discutere delle divergenze rimaste irrisolte

BRUXELLES - La nuova telefonata tra la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, e il premier britannico, Boris Johnson, non sblocca i negoziati sulle relazioni post-Brexit.

E i due decidono di scendere direttamente in campo, mettendosi alla guida delle trattative e dandosi un appuntamento di persona a Bruxelles. Un ultimo tentativo per scongiurare il no deal e concedere ancora ossigeno ai colloqui, mentre a pochi rintocchi dalla mezzanotte anche i tempi supplementari stanno per scadere.

Al termine di una chiamata durata poco più di un'ora e mezzo, messa in pausa e mai ripresa, i due leader hanno pubblicato uno scarno comunicato congiunto, utile a guadagnare altro tempo.

«Abbiamo fatto il punto sui negoziati come deciso sabato, e abbiamo concordato che non ci sono le condizioni per finalizzare un accordo a causa delle distanze significative sui tre punti critici: level playing field, pesca, e governance - hanno scritto -. Abbiamo chiesto ai capo negoziatori di preparare una panoramica sulle divergenze che restano da discutere di persona, a Bruxelles nei prossimi giorni».

La situazione insomma resta tesa ma ancora aperta tra Bruxelles e Londra, con l'accordo ancora a portata di mano, ma non abbastanza vicino da poterlo afferrare.

Nelle cancellerie intanto i sentimenti sono misti, tra l'apprensione per un possibile fiasco finale, e il timore di strappare un accordo incapace di tutelare appieno gli interessi di tutti e 27, come manifestato da Parigi nei giorni scorsi, e ribadito dal ministro degli Esteri olandese Stef Blok, che ha sollecitato a lavorare "per tutto il tempo necessario" e "non lasciarsi trascinare in un'intesa frettolosa".

Intanto l'annuncio del governo britannico, che si è detto disponibile a rimuovere dall'Internal market bill la clausola tanto contestata dall'Ue, che rivendica al Regno il potere di violare il diritto internazionale e modificare unilateralmente alcuni punti dell'intesa di divorzio con l'Ue (in particolare sui controlli ai confini irlandesi), è stato interpretato come un ramoscello di ulivo di Johnson alla Ue, un modo per sminare il terreno. Anche a questo è servito l'incontro tra il vicepresidente della Commissione, Maros Sefcovic, e il ministro britannico Michael Gove, a Bruxelles.

Ma il sentiero resta stretto e ogni passo richiede valutazioni attente, per evitare rovinose, irrimediabili cadute e possibili spaccature interne tra i 27. Se lo sono ripetuto i leader di Commissione e Consiglio, Michel e von der Leyen, nella videoconferenza con Angela Merkel ed Emmanuel Macron, quando è circolata anche l'ipotesi di stralciare la parte riguardante la pesca dalla trattativa generale. Per niente percorribile per il capo dell'Eliseo.

Il dossier è stato finora in mano ai team di Michel Barnier, apparso particolarmente "cupo" dopo il round negoziale di lunedì, e dell'impassibile David Frost, caparbiamente in cerca della via maestra per coprire l'ultimo miglio verso l'accordo.

Un'intesa che se non sarà in grado di spazzare via tutti gli effetti negativi del divorzio, dovrebbe comunque essere in grado di mitigare le ripercussioni, evitando il caos commerciale, tanto allarmante per il Regno quanto preoccupante per i 27, data anche la combinazione con la crisi Covid.

I nodi rimasti da sciogliere - a meno di un mese dalla fine del periodo di transizione del 31 dicembre - sono sostanzialmente la pesca, questione di nicchia in termini di valore economico generale ma di grande importanza per Paesi costieri come Francia o Danimarca; il cosiddetto level playing field, ossia l'allineamento che Bruxelles vorrebbe da Londra sugli aiuti di Stato e su norme come quelle relative alle tutele ambientali o ai diritti dei lavoratori per evitare una futura concorrenza sleale.

Ma che il governo di Boris Johnson non vuole sia trasformato in una sudditanza a tempo indeterminato alla legislazione Ue in barba alla ritrovata "sovranità". Più appianato, ma pur sempre annoverato tra i punti spinosi, quello della governance sui contenziosi futuri, da affidare a un qualche organismo terzo.

Di fatto si tratta del 5% scarso d'un testo che per il restante 95% pare cosa conclusa. Ma più che sufficiente a far saltare il tavolo, date le questioni di principio, d'interesse, e d'immagine in gioco. Ora la palla passa direttamente alla von der Leyen e a Johnson.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 04:40:39 | 91.208.130.89