Keystone
GERMANIA
29.03.2020 - 15:230
Aggiornamento : 17:37

Polemica a Berlino: Adidas e H&M hanno deciso di non pagare più l'affitto

Il Ministro della Giustizia è furente: «È un comportamento indecente e inaccettabile»

Sembra che anche Puma e Mediamarkt vogliano seguire lo stesso esempio

BERLINO - Polemica in Germania per l'intenzione annunciata dai colossi dell'abbigliamento Adidas e H&M di interrompere il pagamento dell'affitto nei negozi che sono stati costretti a chiudere a causa dell'epidemia di coronavirus.

Ad intervenire sul caso, che ha suscitato indignazione anche a livello politico, è stato oggi il Ministro delle finanze, Olaf Scholz, che ha esortato le principali aziende ad astenersi dall'intraprendere azioni avventate che potrebbero danneggiare i proprietari di immobili.

«È irritante quando le grandi aziende annunciano semplicemente una sospensione del pagamento dell'affitto», ha detto Scholz al quotidiano Bild, invitando i rivenditori a contattare i proprietari per trovare soluzioni. «Ora è il momento di lavorare insieme», ha aggiunto.

La mossa dei rivenditori arriva dopo il pacchetto di salvataggio per proteggere aziende e posti di lavoro dall'impatto economico della pandemia annunciato dal governo tedesco. Il piano include infatti anche una disposizione che impedisce temporaneamente agli inquilini di essere espulsi dalle loro case o attività commerciali in caso di difficoltà finanziarie legate al contenimento del Covid-19.

Una misura pensata soprattutto per i piccoli esercizi, ma di cui anche colossi del calibro di Adidas possono avvantaggiarsi. Da qui la decisione del gruppo e il giudizio, drastico, arrivato dal ministro della Giustizia, Christine Lambrecht: «È indecente e inaccettabile che le società finanziariamente forti smettano di pagare gli affitti».

Adidas, produttore di abbigliamento sportivo tedesco, ha realizzato un utile netto di quasi due miliardi di euro nel 2019, ma nel 2020 è stato duramente colpito dal crollo delle vendite prima in Cina e poi nel resto del mondo, con chiusure generalizzate dei negozi. Due giorni fa è stata annunciata l'intenzione di non pagare più l'affitto, seguita immediatamente dalla stessa indicazione da parte di H&M, che conta in Germania circa 460 negozi, tutti chiusi.

Il colosso svedese dell'abbigliamento ha auspicato di trovare presto «una soluzione reciprocamente accettabile» con i proprietari, ma sembra aver fatto scuola: secondo i media tedeschi anche i rivenditori di elettronica Saturn e MediaMarkt e il rivale dell'Adidas Puma avrebbero infatti pianificato di interrompere temporaneamente i pagamenti degli affitti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Incomprensibile queste aziende che operano a livello mondiale, facendo utili pazzeschi sulla pelle dei lavoratori e dei bambini, con poco rispetto anche dell'ambiente, si permettano azioni di questo genere .
Ecthelion 1 mese fa su tio
Quello che è irritante è che un ministro della giustizia si permetta di intervenire in una questione privata tra inquilini e proprietari. Ci sono molti esperti che confermano la possibilità di riduzione dell'affitto e quella di interrompere il pagamento è una mossa assolutamente comprensibile per spingere a trovare un accordo. Anche politicamente ha senso che i sacrifici di questa crisi vengano sopportati un po' da tutti., senza risparmiare i proprietari di immobili.
sedelin 1 mese fa su tio
cucù
sedelin 1 mese fa su tio
@sedelin prima del cucù avevo scritto 2 volte cge queste aziende meritano un boicottaggio. Il danno economico va ripartito equamente.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 15:20:21 | 91.208.130.85