Cerca e trova immobili

ITALIACarabinieri uccisi dopo il posto di blocco, donna sul suv «ubriaca e drogata»

08.04.24 - 10:28
Due giovani carabinieri sono morti in un incidente stradale, Repubblica anticipa i risultati dei test su alcol e droga.
Vigili del fuoco
Carabinieri uccisi dopo il posto di blocco, donna sul suv «ubriaca e drogata»
Due giovani carabinieri sono morti in un incidente stradale, Repubblica anticipa i risultati dei test su alcol e droga.

Un'onda di commozione e cordoglio unanime si è aggiunto al dolore e all'incredulità per la morte dei due giovani carabinieri in servizio: Francesco Pastore di soli 24 anni e Francesco Ferraro (27). Entrambi travolti nella notte tra sabato e domenica, tra le 23 e le 24, mentre si trovavano con un terzo collega rimasto ferito, all'interno della loro Punto di servizio in provincia di Salerno.

Droga e alcol test - Con il passare delle ore si cerca di fare luce sulla dinamica dell'incidente che ha portato i tre a essere travolti da un Range Rover bianco, guidato da una 31enne, che si trovava in compagnia di una ragazza di 18 anni, poi rimaste ferite ma non in gravi condizioni.

E mentre si attendono gli esiti dei doppi test effettuati sulla donna alla guida del suv relativamente all'eventuale assunzione di alcol e droga, secondo quanto riporta Republica, dopo un primo accertamento la conducente del suv, che avrebbe precedenti per spaccio, sarebbe risultata positiva ad alcol e cocaina. Rischia un'incriminazione per duplice omicidio stradale.

Quanto alla dinamica invece, i carabinieri, poco prima dello schianto, stavano uscendo da un'area di servizio, dopo aver svolto una serie di controlli per immettersi sulla carreggiata, quando la Range Rover ha colpito la gazzella sul lato destro. Un impatto fatale per i due 20enni - morti prima dell'arrivo dell’arrivo in ospedale - e che ha lasciato scampo solo al militare che si trovava al posto di guida, ora ricoverato con fratture al bacino e a una spalla.

Dopo lo schianto, una terza auto, guidata da un 75enne, ha tamponato il suv che era rimasto fermo dopo lo schianto, l'anziano è ricoverato in gravi condizioni. All'arrivo dei soccorsi solo i vigili del fuoco hanno potuto estrarre dalle lamiere i corpi dei giovani militari e salvare l'unico superstite dei tre. Saranno poi le telecamere della zona a chiarire gli eventuali punti oscuri e a delineare le responsabilità.

Le due vittime - Il maresciallo 24enne - come ricostruito dal Corriere della Sera - era stato affidato alla compagnia di Eboli solo dallo scorso luglio e aveva deciso di seguire la carriera militare sulle orme di suo papà, appuntato scelto ancora in servizio.
E anche per il suo collega 27enne diventare carabiniere era stata la realizzazione di un sogno. Sia Pastore che Ferraro erano fidanzati.

I loro corpi non dovranno subire alcuna autopsia. Si attendono per oggi i funerali che si terranno in Puglia. Terra di origine dei due ragazzi, con quel sogno in comune: indossare la divisa dell'Arma.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE