Cerca e trova immobili

ITALIAÈ allerta rossa: si temono le più alte temperature della storia europea

15.07.23 - 20:16
Domenica prenderà il via un'ondata torrida, la terza, con 16 città osservate speciali
keystone-sda.ch (TINO ROMANO)
È allerta rossa: si temono le più alte temperature della storia europea
Domenica prenderà il via un'ondata torrida, la terza, con 16 città osservate speciali

ROMA - Nelle prossime ore prenderà il via un'ondata di caldo che, se le previsioni dei meteorologi saranno rispettate, entrerà nella storia del continente europeo.

Sedici città in tutta Italia si preparano ad affrontare un'allerta rossa e temperature che potrebbero superare i 40 gradi. Roma, Firenze e Bologna saranno tra le aree più colpite dall'ondata di caldo. Nella capitale italiana si prevedono 41 gradi all'ombra nella giornata di lunedì e addirittura 43 in quella successiva. Il record di 40,7 gradi della scorsa estate verrebbe così sbriciolato.

Valori eccezionali per il periodo sono previsti anche a Oristano, Foggia e Agrigento (44 gradi) e Siracusa (45 gradi). A Firenze la temperatura potrebbe arrivare a 39-40 gradi. Anche nella Pianura Padana e sulla costa adriatica sono previsti picchi superiori alle medie del mese di luglio. 

Ancora peggio andrà in Sicilia e Sardegna: nelle zone interne si potrebbero raggiungere punte fino a 49 gradi, ovvero quelle che sarebbero le temperature più calde mai registrate in Europa.

Il governo italiano è corso ai ripari, consigliando a tutti coloro che si trovano nelle zone di allerta di evitare la luce del sole diretta tra le 11 e le 18. Temperature così elevate possono creare rischi per la salute anche in chi non ha particolari problemi. Anziani e persone malate o vulnerabili devono prestare estrema attenzione.

Ticinonline è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.
COMMENTI
 
Mox 4 mesi fa su tio
Le solite palle eco-catastrofiste, sembra che hanno scoperto ora che d'estate fa caldo!
dinci 4 mesi fa su tio
D'estate fa caldo, a volte molto caldo. D'inverno fa freddo, a volte molto freddo. Dov'é la novità?
Elveg 4 mesi fa su tio
E pensare che queste temperature me le beccavo già 30anni fa quando andavo al mare…quindi la notizia dove sta?!?
Antinegazionista 4 mesi fa su tio
Don quijote, io ho altre informazioni ottenute in vent'anni di ricerca e studi, ma tanto con te è inutile, sei il solo e unico a sapere tutto, anche sul clima la tua parola è sicuramente legge..va bene così. Buona serata
F/A-19 4 mesi fa su tio
Esatto, ho sentito il parere di tante autorevoli persone, esperti in materia e tutti confermano questa accelerata di temperatura in poco tempo dovuta al CO2 ecc, tutto questo impone drastici comportamenti del comportamento umano, chi nega è perché non vuole vedere. Facciamo bene ad adottare questi cambiamenti, chi non lo fa poi si schianterà contro ad un muro, vedremo la Cina quando soffocherà nella sua aria irrespirabile oppure i paesi arabi quando non venderanno più il loro prezioso oro nero e dovranno convivere nel loro deserto a più di 50 gradi od i Russi quando il loro gas non lo vorrà più nessuno. Tempo al tempo.....
Y2KBug 4 mesi fa su tio
Caro scrivano, Sono 3 anni che il governo Italiano corre ai ripari, prima il coviddi, lavati le mani altrimenti muori, poi l’energia, “ in inverno si morirà di freddo” , poi non piove da 3 settimane e.. “si morirà di sete” , poi troppe bombe d’acqua ( nubifragio ) “si morirà annegati” …ora, temperature record,🤘 Credo di essere d’accordo con chi afferma che clima stia cambiando e che bisogna fare qualcosa per noi e il nostro pianeta! Ma sono anche d’accordo con chi asserisce che forse sia meglio togliere la penna di mano a qualche giornalaio che si auto proclama giornalista ! Quindi, se una testa pensante esprime il propio punto di vista ,ascoltiamolo e non appelliamolo subito con terminologie, oggi di moda , negazionista, complottista ecc ecc..
Lemmy 4 mesi fa su tio
Siamo in estate, in estate fa caldo!
Tirasass 4 mesi fa su tio
E poi ditemi che il clima non sta cambiando troppo rapidamente... basta avere occhi x vedere
Don Quijote 4 mesi fa su tio
Il troppo rapidamente è un'opinione soggettiva. Se paragoniamo le temperature odierne a quelle del periodo medievale caldo, rischiamo di essere in difetto, se invece consideriamo la piccola era glaciale (periodo freddo seguente e repentino), la temperatura ha variato rapidamente. La super eruzione del Tonga ha mandato in stratosfera una quantità d'acqua equivalente al 10% di quella presente normalmente e rimarrà lassù per almeno 5 anni accumulando calore, se poi sommiamo l'effetto della corrente oceanica del niño, mi sembra tutto nella normalità. O te hai altre informazioni? Le rivelazioni satellitari degli ultimi 40 anni non ci dicono niente dei record precedenti, ad esempio nel 1540... tanto fumo e niente arrosto. Non bastano gli occhi per vedere o le orecchie per sentire i racconti romanzati dei giornalisti su argonenti scientifici di cui non capiscono niente, bisogna chinarsi sui libri e capire i cambiamenti climatici per avere un minimo di conoscenza di causa e non bersi tutte panzane dei media.
centauro 4 mesi fa su tio
Don Chisciotte dice cose giuste che corrispondono con gli eventi accaduti in passato, la piccola glaciazione iniziata a fine medioevo per finire dalla metà dell'800 dove anche le eruzioni vulcaniche hanno dato un contributo alle variazioni di temperatura, però bisogna notare che si è avuto un innalzamento esponenziale della curva della temperatura globale dalla fine del '700 e qui si può notare una precisa coincidenza, l'inizio della rivoluzione industriale.
Don Quijote 4 mesi fa su tio
Devi tenere conto che la mini era glaciale, probabilmente dovuta al minimo di Maunder solare e ad altro che nessuno sa, finisce a fine del 700, quindi le temperature hanno ripreso a salire riportandosi ai livelli del periodo medievale caldo con aggiunta della variabile CO2 di cui non si conosce assolutamente il forcing. Siamo quasi al termine di un periodo interglaciale iniziato 30'000 anni fa, non può che essere caldo. Viviamo nell'epoca del sensazionalismo dove si parla di record odierni di temperatura di superficie misurate con satelliti e confrontate con misure dell'aria del passato meno accurate, in parte stimate analizzando carotaggi di ghiaccio e sedimenti. Dal passato abbiamo solo informazioni storiche soggettive senza misurazioni confrontabili con quelle attuali. Di certo, abbiamo una grande ignoranza globale sul tema e un grande business economico dietro a tanto evidente catastrofismo.
VinDiesel 4 mesi fa su tio
ma tutto sto pippone di storia della meteorologia che centra col messaggio di prima ? Ha solo detto che il clima sta cambiando troppo rapidamente. Il fatto che in passato sia cambiato più rapidamente mica é un argomento per sostenere che oggi non cambia altrettanto rapidamente. "Rapidamente" é un aggettivo soggettivo, mica puoi fare una scala dicendo "qui é rapido, qui non é rapido". Piantiamola di fare pipponi da finti studiosi sotto commenti generalisti su tio.ch ahaha.
pori_num 4 mesi fa su tio
È vero che ci troviamo attualmente in un periodo interglaciale (Olocene), a sua volta parte di un era glaciale. È pure vero che in questo tipo di periodo le temperature si innalzano progressivamente per poi ridiscendere, però, tenendo conto che un periodo interglaciale ha una durata di 10-15000 anni, vedo difficile ignorare il fatto che recentemente solo in pochi decenni le temperature globali hanno avuto un’impennata importante. Qualche domanda sull’influenza dell’uomo sul clima me la farei!!!
Don Quijote 4 mesi fa su tio
Le pippe mentali le fai te, la meteorologia è una cosa è la climatologia a cui accennavo altra cosa. Rapidamente è soggettivo se non confrontato con altri periodi simili usando gli stessi mezzi di misurazione. Il blogger diceva addirittura "troppo" rapidamente senza nemmeno indicare una scala temporale di riferimento. Cerca di ragionare invece che ragliare.
UtenteTio 4 mesi fa su tio
Faranno come con il covid che gireranno cacciare in malo modo gli anziani dalle panchine dei parchi seduti da soli o chi era in spiaggia?
NOTIZIE PIÙ LETTE