Immobili
Veicoli

STATI UNITIMeta avverte: un milione di utenti esposti a 400 app pericolose

07.10.22 - 16:31
Apparentemente innocue, erano state ideate per sottrarre le password di Facebook
AFP
Fonte Ats
Meta avverte: un milione di utenti esposti a 400 app pericolose
Apparentemente innocue, erano state ideate per sottrarre le password di Facebook

SAN FRANCISCO - Meta ha avvertito un milione di utenti di Facebook di essere stati «esposti» ad applicazioni per smartphone apparentemente innocue, ma progettate per rubare password al social network.

Finora Meta ha identificato più di 400 app «dannose» su misura per smartphone dotati di software Apple o Android e disponibili negli app store di Apple e Google, ha affermato il direttore del contrasto alle minacce David Agranovich, durante un briefing. «Queste app sono state esposte su Google Play Store e App Store di Apple e mascherate da editor di foto, giochi, servizi VPN, app aziendali e altre utilità per indurre le persone a scaricarle», ha affermato Meta in un post sul blog.

Le app spesso chiedono alle persone di accedere con le informazioni del proprio account Facebook per utilizzare le funzionalità promesse, rubando nomi utente e password se inseriti, secondo il team di sicurezza di Meta. «Stanno solo cercando di indurre le persone a inserire le loro informazioni di accesso in un modo che consenta agli hacker di accedere ai loro account», ha detto Agranovich delle app. «Avviseremo un milione di utenti che potrebbero essere stati esposti a queste applicazioni; questo non vuol dire che siano stati compromessi».

Più del 40% delle app elencate da Meta prevedevano modi per modificare o manipolare le immagini, e alcune erano apparentemente semplici come usare gli smartphone come torce elettriche. «La nostra sensazione è che questi sviluppatori di app dannose tentino di prendere di mira servizi diversi», ha affermato Agranovich.

Meta ha affermato di aver condiviso ciò che ha scoperto con Apple e Google. Apple non ha risposto alla domanda se fosse intervenuta per rimuovere le app sospette dal suo store. Google ha invece fatto sapere che la maggior parte delle app contrassegnate da Meta sono già state identificate e rimosse dal Play Store dai propri sistemi di controllo. 
 
 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE