Immobili
Veicoli

RUSSIAI miliardi di Putin gestiti in una chat occulta

21.06.22 - 00:00
In una casella di posta elettronica le aziende più disparate sembrano amministrare i beni appartenenti al presidente
keystone-sda.ch (Sergei Bobylev)
I miliardi di Putin gestiti in una chat occulta
In una casella di posta elettronica le aziende più disparate sembrano amministrare i beni appartenenti al presidente

MOSCA - Come una chat di gruppo con 86 membri. Un portale online simile a una casella elettronica sembra essere il filo conduttore tra il presidente russo, numerosi oligarchi e la Rossiya Bank. Diversi scambi trapelati in una fuga di dati fanno credere che esista una "rete" che gestisce beni e proprietà collegate a Putin.

Il nome del dominio è LCCInvest.ru e appartiene alla società Moskomsvyaz che si occupa di trovare soluzioni informatiche per le aziende. Il dominio è il fulcro, l'unica infrastruttura informatica comune, che permette di collegare beni e immobili che si crede appartengano a Putin, ma la cui proprietà è o è stata in passato reclamata da diversi oligarchi. La Moskomsvyaz, inoltre, è strettamente collegata alla Rossiya Bank, sospettata di essere la cassa personale del capo del Cremlino.

In un’indagine durata un anno, il portale di informazione indipendente Meduza e l'Organized Crime and Corruption Reporting Project sono stati in grado di constatare che il dominio LCCInvest viene utilizzato come casella di posta elettronica da 86 entità, tra cui anche aziende che fanno a capo a degli oligarchi, e che attraverso queste e-mail sembrerebbe che i beni e le proprietà vengano gestite e scambiate. Sembrerebbe, insomma, una cooperativa, che detiene beni per un valore di almeno 4,5 miliardi di dollari che includono ville, jet, yacht e conti bancari.

Meduza fornisce questo esempio: la fuga di dati ha permesso di accedere a uno scambio di email tra tre società che apparentemente non hanno nulla a che fare l'una con l'altra, ma che comunque discutevano di tre appezzamenti di terreno che si trovano intorno alla dacia segreta di Putin.

O ancora, tra gli utenti, è presente Russair che vende voli a qualsiasi ora del giorno per destinazioni in tutto il mondo. Contattata per vie ufficiali, ha tuttavia negato di proporre offerte di questo tipo. Anche perché possiede solo due jet.

Non tutti gli 86 utenti che utilizzano la casella elettronica, tuttavia, sono stati direttamente collegati a un bene o a un'infrastruttura. Ricercatori e giornalisti hanno cercato di mettersi in contatto con alcuni degli utenti e solo uno ha risposto, dichiarando di essere un «semplice dipendente che firma solo dei documenti. Sono un po' come quei senzatetto che vengono registrati come direttori aziendali. Non so cosa c'è scritto nei documenti, il mio compito non è leggere. Se la mia azienda faccia parte di una grande holding, non ne ho idea».

Venuto a conoscenza dell'inchiesta, il Cremlino ha preso parola. Il portavoce Dmitry Peskov ha negato qualsiasi coinvolgimento del capo di Stato: «Non è in alcun modo collegato o affiliato agli oggetti o alle organizzazioni citate».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO