Cerca e trova immobili

ITALIADramma di Soliera, la babysitter ha ammesso di aver gettato il bimbo

03.06.22 - 10:43
La 32enne che si occupava del bambino ha ammesso il suo folle gesto: «Non è stato deliberato, ho avuto un malore»
Deposit
Dramma di Soliera, la babysitter ha ammesso di aver gettato il bimbo
La 32enne che si occupava del bambino ha ammesso il suo folle gesto: «Non è stato deliberato, ho avuto un malore»
Il bimbo, intanto, è ancora ricoverato in condizioni critiche

MODENA - È infine certa la dinamica di cosa è accaduto lo scorso 31 maggio a Soliera, quando un neonato di 13 mesi è finito giù dal secondo piano di una villetta rimanendo ferito gravemente: la babysitter 32enne che lo stava accudendo ha infatti ammesso di essere stata lei a gettarlo fuori dalla finestra.

«Ero in catalessi, ma non è stato un gesto deliberato, ho avuto un malore», ha raccontato al giudice, come riporta il Corriere della Sera. «Vengo da un periodo difficilissimo», ha poi ribadito.

La pista dell'incidente era stata scartata rapidamente, lo ricordiamo, a causa di una testimonianza della colf, che ha assistito alla scena e ha immediatamente allertato i carabinieri, causando l'arresto della donna.

L'avvocato della donna ha poi elaborato le parole della sua cliente, spiegando che «il malessere ha avuto il sopravvento sul suo raziocinio»: «Il gesto non è stato premeditato, ma frutto di un malore che l'ha colpita improvvisamente», ha spiegato ai media all'esterno del carcere Sant'Anna di Modena, dove si trova l'imputata. «Dopo averlo fatto è come se si trovasse in una realtà parallela, l'unica cosa che ha detto alla colf è stata: "ora il bambino è libero", ed era una richiesta di aiuto, era immobilizzata».

In carcere, invece, «ha chiesto subito informazioni sul piccolo, è disperata e continua a piangere», ha concluso l'avvocato.

Il bambino, al momento, è ancora ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Maggiore di Bologna.

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE