Immobili
Veicoli
AFP
+3
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CINA
3 min
Dieci anni di prigionia per qualche pagina del Corano
Dentro i campi di rieducazione cinese, con cui il governo afferma di combattere radicalizzazione e terrorismo
GERMANIA
2 ore
Scontro tra un treno e un bus a Ulm
I due conducenti e alcuni passeggeri avrebbero riportato gravi ferite
RUSSIA
2 ore
Confermati in appello i nove anni a Navalny
Il dissidente russo ha perso in appello
REGNO UNITO
3 ore
Per questa festa Johnson non è stato multato
Emergono nuove foto da Downing Street: l'opinione pubblica mette in dubbio il processo decisionale della polizia
BELGIO
6 ore
Troppo piombo nel sangue dei bambini, anche in Svizzera
Sono oltre 20 milioni i piccoli esposti a un elevato inquinamento, dettato da pesticidi, emissioni e rifiuti
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
«La Russia ruba il grano ucraino. Ci sono le prove»
La Commissione Ue: «Putin sta usando il tema alimentare come un'arma». E «l'impatto si sente non solo sull'Ucraina».
FOCUS
7 ore
La nuova paura americana: un mondo con i neri al posto dei bianchi
Si chiama teoria della "grande sostituzione". È un timore avvertito da una diffusa parte della popolazione bianca
UCRAINA
7 ore
Quei bombaroli siriani che Putin è pronto a schierare in Ucraina
Si tratta del corpo di artificieri che ha inventato le strazianti “barrel bombs” usate da Assad per far strage di civili
STATI UNITI/CINA
14 ore
«Se Taiwan viene invasa interverremo militarmente»
Il presidente americano Biden ha lanciato un messaggio a Pechino. Che risponde per le rime
TONGA
14 ore
Tonga distrugge, ma resta intatto
Le pareti del vulcano non sono andate distrutte, pur trattandosi della più forte eruzione negli ultimi 30 anni
MONDO
17 ore
Vaiolo delle scimmie: «Contenerlo è possibile»
L'Oms vuole bloccare la trasmissione da uomo a uomo. E capire se il virus abbia subito una mutazione
FRANCIA
18 ore
Se n'è andato uno degli ultimi sopravvissuti ad Auschwitz
Nato in Polonia nel 1929, Elie Buzyn è morto questa mattina a causa di un malore.
FRANCIA
08.09.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:30

Bataclan, al via il processo alla notte più nera di Parigi

La strage del 13 novembre 2015 approda oggi nell'aula bunker de l'Ile-de-la-Cité. Tutti gli occhi sono puntati

PARIGI - Una notte che nessuno ha dimenticato. In Francia e non solo. A sei anni di distanza il terrore e la scia di sangue di quella maledetta sera del 13 novembre 2015 tornerà a rivivere nel processo che proverà a far luce su quell’attentato che ha colpito nel cuore l’Europa e tutto il mondo occidentale.

In quell'attacco senza precedenti, telecomandato dall'Isis, furono uccise 130 persone e 350 rimasero ferite. Ma le ripercussioni, non fisiche, sono rimaste ancora livide nei sopravvissuti e nei familiari delle vittime che oggi, come ieri, chiedono giustizia.

Gli attacchi armati si sono concentrati nel I, X e XI arrondissement di Parigi e allo Stade de France, a Saint-Denis, nella regione dell'Île-de-France, compiuti da almeno dieci persone fra uomini e donne, responsabili di tre esplosioni nei pressi dello stadio e di sei sparatorie in diversi luoghi pubblici della capitale francese, tra cui la più sanguinosa è avvenuta al teatro Bataclan, dove sono rimaste uccise 90 persone. Si è trattato della più cruenta aggressione in territorio francese dalla seconda guerra mondiale e del secondo più grave atto terroristico nei confini dell'Unione europea dopo gli attentati dell'11 marzo 2004 a Madrid.

Stragi in sequenza
Tutto in poche ore. L'escalation iniziò alle 21.20 con una prima esplosione davanti al ristorante "Events" nei pressi dell'ingresso D dello Stade de France, dove si stava giocando l’amichevole Francia-Germania, con 80.000 tifosi sugli spalti, tra cui l’allora presidente francese François Hollande. L'esplosione causò il primo morto di una lunga serie, Manuel Dias, più l'attentatore, Ukashah Al-Iraqi. Le immagini in diretta tv, con l’audio del boato, Evrà che si ferma palla al piede, la gara che viene sospesa e il pubblico che impaurito si riversa in campo, fanno in breve tempo il giro del mondo.

Anche perchè, a pochi minuti di distanza, quattro terroristi, a bordo di una Seat León nera cominciano a sparare nei pressi di due ristoranti della capitale: "Le Carillon" su Rue Alibert, e "Le Petit Cambodge" su Rue Bichat. I terroristi, armati con AK-47, inneggiano alla Siria e all'Iraq e urlano in lingua araba: "Allahu Akbar!". L'attacco causa in tutto 13 morti e 10 feriti gravi. Seguono un’esplosione davanti a un fast food della catena "Quick" sempre nei pressi dello Stade de France; una seconda sparatoria vicino al Café Bonne Bière e alla pizzeria Casa Nostra, in Rue de la Fontaine au Roi (5 morti e 2 feriti). Una terza sparatoria al ristorante "La Belle Équipe", (21 morti e 9 feriti).

Il massacro del Bataclan
Ma il peggio deve ancora venire. Alle 21:40, 3 terroristi vestiti di nero (Ismaël Omar Mostefaï, Samy Amimour e Foued Mohamed-Aggad), armati fino ai denti e con cinture esplosive, fanno irruzione al Bataclan dove è in corso un concerto del gruppo rock statunitense Eagles of Death Metal, davanti 1.500 spettatori circa. I terroristi sparano prima all’ingresso, poi una volta entrati in teatro scaricano i caricatori sulla folla. Tanti muoiono sul colpo, altri restano feriti. Gli uomini armati si aggirano tra la folla e i corpi giacenti a terra per finire chi è rimasto ferito, cercando i sopravvissuti che intanto scappano, chi in bagno, chi dalle porte di sicurezza, chi dalle finestre. Sangue e terrore che durano fino a mezzanotte circa quando le teste di cuoio francesi operano il raid che libera il teatro. I terroristi vengono uccisi, i sopravvissuti liberati. È la fine di incubo che è al tempo stesso una triste, macabra realtà che nessun processo riuscirà a risarcire.

Occhi puntati su Salah Abdeslam
Un solo indiziato, uno solo alla sbarra. Lui è Salah Abdeslam, l’unico sopravvissuto tra gli attentatori della terribile notte di Parigi del Bataclan. Nato nel 1989 a Bruxelles da genitori francesi, ha un passato come impiegato presso uno dei depositi dei tram di Bruxelles fra il 2009 e il 2011, prima di essere licenziato. Un precedente in carcere per furto, in Belgio, nel 2012. E poi il culto dell’Isis e della guerra santa, i viaggi in Siria. È stato identificato dagli inquirenti come colui che noleggiò la macchina utilizzata dai terroristi nell'attacco al Bataclan. Sfuggì clamorosamente ad un controllo alla frontiera franco-belga la mattina dopo la strage. Dopo diversi spostamenti in giro per l’Europa centrale, anche in Italia, a Bari, dopo gli attentati del 13 novembre, è stato ferito ad una gamba e catturato nel marzo del 2016 in un appartamento a Molenbeek, un quartiere di Bruxelles, dove aveva trovato rifugio da alcuni mesi.

Reuters
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 14:03:19 | 91.208.130.85