Deposit
ITALIA
16.03.2021 - 16:140

Positiva al metadone, neonata finisce in coma: indagata la madre

La piccola è stata condotta in ospedale dai genitori. Era in arresto respiratorio.

LUCCA - Una bambina di soli 40 giorni è finita in coma a Lucca dopo che le è stato somministrato del metadone. La madre è stata iscritta nel registro degli indagati.

Come riferisce l'Huffington Post, che cita la questura, l'11 marzo scorso la piccola è stata portata al pronto soccorso della città toscana dai due genitori perché faceva fatica a respirare. Vi è giunta in coma per arresto respiratorio ed è stata trasferita all'ospedale di Pisa. 

In assenza di segni visibili di eventi traumatici che potessero spiegare le sue condizioni, le è stato fatto l'esame delle urine «alla ricerca di sostanze stupefacenti». L'analisi ha rilevato una concentrazione di metadone di 1'644 ng/ml.

«È apparso evidente che, a fronte di un dato così elevato, alla neonata sia stato somministrato metadone», conferma la questura. L'analisi ha rilevato anche tracce di cocaina (74 ng/ml).

«Sulla base degli elementi investigativi è stata indagata la mamma», fanno sapere gli inquirenti. La donna, precisano, non allatterebbe la bambina. Lei e il compagno sono descritti come due persone giovani.

Dopo il coma e l'intubazione la piccola, ancora ricoverata, respira ora da sola. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 12:35:01 | 91.208.130.89