keystone-sda.ch / STF (Lee Jin-man)
MYANMAR
15.03.2021 - 10:170

Myanmar: non c'è internet, salta l'udienza di Suu Kyi

Tutto rinviato al 24 marzo. Nel frattempo, la protesta non si placa: 44 vittime solo ieri

YANGON - Un rinvio per problemi tecnici. La terza udienza, prevista in teleconferenza oggi, del processo contro la leader democratica birmana Aung San Suu Kyi è stata posticipata alla settimana prossima a causa di un malfunzionamento della rete internet.

L'udienza, come annunciato dall'avvocato della Presidente della Lega Nazionale per la Democrazia, si svolgerà quindi il 24 di marzo.

Nei confronti di Suu Kyi sono stati emessi quattro capi d'imputazione: possesso illegale di walkie-talkie, violazione delle restrizioni contro il Covid, infrazione della legge sulle telecomunicazioni e l'aver fomentato disordini. La leader si trova agli arresti dallo scorso 1° febbraio, il giorno del golpe militare in cui le forze armate del Tatmadaw hanno rovesciato il governo.

Nel frattempo, nelle strade del Myanmar la protesta non si placa. Quella di ieri è stata una delle giornate più sanguinose delle ultime settimane. Stando ai media locali, domenica sono state uccise almeno 44 persone. E il bilancio complessivo, secondo le cifre della Assistance Association for Political Prisoners, supera così le 120 vittime dall'inizio delle proteste.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 13:00:49 | 91.208.130.85