Archivio Keystone
ITALIA
05.12.2020 - 09:300

Traffico di profughi: diciannove fermi

Si tratta di un cartello collegato con gruppi criminali in Turchia e Grecia

CATANIA - Un cartello di facilitatori del traffico internazionale di profughi collegato con gruppi criminali in Turchia e Grecia è stato smantellato dalla polizia che ha eseguito il fermo di diciannove indagati emesso dalla Procura distrettuale di Catania, in Sicilia.

Il provvedimento, che ipotizza il reato di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, è stato eseguito a Bari (Puglia), Milano, Torino e Ventimiglia (Liguria) dalle squadre mobili di Siracusa e degli altri capoluoghi interessati e dal Servizio centrale operativo.

La complessa indagine ha fatto luce su quello che è indicato come «un necessario anello di congiunzione» in Italia con «gruppi criminali attivi in Grecia e Turchia, che agevolavano i migranti nel percorso verso la meta privilegiata, Francia e Nord Europa, attraverso la 'rotta orientale' che passa per Afghanistan, Pakistan, Iran, Turchia, Grecia e Italia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-21 21:10:32 | 91.208.130.86