Cerca e trova immobili

ITALIACaso Cucchi: la Cassazione dichiara prescritta accusa per due carabinieri

31.10.23 - 23:56
I giudici della Suprema Corte hanno quindi annullato senza rinvio in relazione alla sentenza di appello bis del luglio scorso.
Imago
Fonte ATS ANS
Caso Cucchi: la Cassazione dichiara prescritta accusa per due carabinieri
I giudici della Suprema Corte hanno quindi annullato senza rinvio in relazione alla sentenza di appello bis del luglio scorso.

ROMA - La Cassazione italiana ha dichiarato prescritto il reato di falso per i carabinieri Roberto Mandolini e Francesco Tedesco già condannati in uno dei processi per la morte di Stefano Cucchi.

I giudici della Suprema Corte hanno quindi annullato senza rinvio, riconoscendo il reato estinto per prescrizione, in relazione alla sentenza di appello bis, nel luglio scorso, che aveva inflitto tre anni e sei a Mandolini e due anni e 4 mesi a Tedesco. Quest'ultimo è il militare dell'arma che con le sue dichiarazioni aveva fatto riaprire le indagini.

Il maresciallo Mandolini era il comandante della stazione dei carabinieri dove fu portato Cucchi dopo il fermo. Già nel processo di appello il rischio prescrizione era concreto. Il procuratore generale oggi aveva chiesto di dichiarare non ammissibili i ricorsi.

Per i due imputati la Cassazione aveva disposto un secondo processo d'appello il 4 aprile scorso, giorno in cui ha reso definitive le sentenze a 13 e 12 anni per militari dell'Arma, Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro, accusati di omicidio preterintenzionale in quanto ritenuti gli autori materiali del pestaggio di Cucchi avvenuto il 15 ottobre del 2009 nella caserma Casilina di Roma dove era stato portato dopo il fermo effettuato durante un controllo in cui fu trovato in possesso di sostanze stupefacenti. Il giovane venne picchiato, preso a calci e pugni.

Mandolini e Tedesco erano accusati di avere falsamente attestato, nel verbale di arresto di Cucchi, la rinuncia da parte del giovane romano alla nomina del difensore di fiducia. Nelle motivazioni con cui gli "ermellini" avevano disposto un nuovo processo di appello si affermava che gli imputati avevano «soprattutto omesso di menzionare quanto realmente accaduto durante il tentativo fallito di effettuare i rilievi fotosegnaletici» a Cucchi e in particolare avevano taciuto sulla «partecipazione del Di Bernardo e del D'Alessandro alle operazioni di arresto».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE