keystone-sda.ch / STF (CRISTOBAL HERRERA-ULASHKEVICH)
STATI UNITI
02.07.2021 - 07:320

Bloccata la legge in Florida che penalizza le piattaforme che bannano i politici

La legge punisce con multe molto costose i social network che sospendono o eliminano account di politici

WASHINGTON - Un giudice federale ha bloccato temporaneamente una nuova legge della Florida che regola come i social media possono moderare i contenuti, affermando poche ore prima che entrasse in vigore che il provvedimento viola il primo emendamento sulla libertà di espressione.

Si tratta di una vittoria per la Silicon Valley e di una sconfitta per il governatore Ron DeSantis e il suo partito repubblicano, che volevano mettere le redini a Big Tech dopo che l'ex presidente Usa Donald Trump è stato bandito da Twitter, Facebook e altri social per le sue dichiarazioni incendiarie.

La legge prevede multe sino a 250 mila dollari per le piattaforme online che sospendono i politici e autorizza i cittadini della Florida che si ritengono "trattati in modo ingiusto" - e danneggiati finanziariamente - a fare causa alle società tech. La misura vieta inoltre alle compagnie accusate di violazioni antitrust di fare affari col governo statale. "Il primo emendamento non limita i diritti delle entità private che non esercitano funzioni di servizio pubblico tradizionale", scrive il giudice, secondo cui la legge "mirava a mettere le briglie ai fornitori di reti sociali giudicate troppo importanti e troppo liberali". Ma, a suo avviso, "equilibrare lo scambio di idee tra attori privati non rientra nell'interesse governativo".
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 04:26:11 | 91.208.130.85