Immobili
Veicoli
Reuters
FRANCIA
20.05.2021 - 19:500

Scandalo delle protesi al seno PIP, migliaia di donne saranno risarcite

È quanto ha sentenziato la Corte d'appello di Parigi, in una svolta per la causa legale che prosegue da anni

In moltissime hanno dichiarato di aver sofferto problemi «di salute fisica e mentale»

PARIGI - Migliaia di donne, a cui sono state impiantate protesi al seno difettose nell'ambito dello scandalo PIP, hanno il diritto di ricevere un risarcimento.

Lo ha deciso la Corte d'appello di Parigi, accusando l'azienda tedesca TÜV Rheinland di essere stata «negligente» nel rilasciare i certificati di sicurezza. 

Come riferisce l'agenzia stampa Reuters, la causa è stata intentata da 2'700 donne che hanno detto di aver sofferto problemi «di salute fisica e mentale», anche a lungo termine, dopo aver ricevuto delle protesi realizzate dall'azienda francese PIP (Poly Implant Prothèse) con un certo tipo di silicone «industriale» più economico, che non sarebbe «autorizzato per uso» sull'uomo.

«Siamo felici di questa decisione che mette definitivamente fine ai dubbi sulla responsabilità della TUV», ha dichiarato l'avvocato Olivier Aumaitre, in rappresentanza delle donne. «Dopo 10 anni di attesa e di lotta, il certificatore tedesco dovrà risarcire completamente le vittime».

L'associazione Pip Implant World Victims Association (Pipa) ha detto che sta cercando di ottenere danni «per decine di migliaia di euro per ogni vittima», ma quando e quanto risarcimento sarà assegnato è ancora da determinare, con una prima sentenza attesa per settembre.

La sentenza, si legge poi sul Guardian, potrebbe avere implicazioni per decine di migliaia di altre vittime in tutto il mondo. Si stima che fino a 400'000 donne abbiano ricevuto degli impianti di questo tipo. Un rapporto realizzato nel Regno Unito nel 2012, sugli effetti a lungo termine degli impianti PIP, ha scoperto che erano significativamente più propensi a rompersi o a perdere silicone rispetto agli altri impianti.

Un portavoce di TÜV Rheinland ha dichiarato che l'azienda non rilascerà un commento sulla sentenza prima di averla tradotta e letta con calma. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-16 18:08:10 | 91.208.130.86