Reuters
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
INDIA
3 min
Arrivano i monsoni. E centinaia di corpi potrebbero finire nel Gange
Il numero di sepolture sulle sponde del fiume sacro è esploso a causa della pandemia
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 ora
Esplosioni nell'Atlantico: gli USA testano le proprie navi da guerra
La portaerei USS Gerald R. Ford è stata messa alla prova con una potente esplosione
STATI UNITI
1 ora
Dopo il disgelo ginevrino, l'ambasciatore russo torna a Washington
Il diplomatico è «ottimista» sul miglioramento dei rapporti tra Russia e Stati Uniti, che preparano però nuove sanzioni.
GERMANIA
2 ore
Euro 2020: Allianz Arena illuminata di arcobaleno contro Orbán e le sue leggi «omofobe»?
Lo chiede il Consiglio comunale di Monaco in occasione di Germania-Ungheria. Troppo politico?
STATI UNITI
4 ore
Maxi-incidente in autostrada, morti 9 minorenni e un 29enne
Tragico il bilancio di un tamponamento di massa avvenuto in Alabama
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
5 ore
Un'oasi verde sul fiume Hudson: ecco Little Island
La nuova attrazione "fluttuante" è costata 260 milioni di dollari e ospita decine di specie di piante
STATI UNITI
13 ore
Il governo coprirà le spese per i soldati che vorranno cambiare sesso
Ci sono oltre 134 mila veterani transgender nell'esercito Usa, mentre ce ne sono circa 15mila in servizio
PORTOGALLO
14 ore
A Lisbona il 60% dei casi di Covid è di variante Delta
L'impennata dei contagi è legata all'apertura ai turisti (britannici) ma il vaccino sembra stia limitando i danni
FRANCIA
15 ore
Il partito di Le Pen cresce, ma non sfonda
Gli exit poll indicano un testa a testa tra la destra e il blocco di sinistra a livello nazionale
BRASILE / RUSSIA
29.04.2021 - 16:400

Sputnik, il "niet" del Brasile irrita Mosca

Botta e risposta tra i due paesi. Anvisa: «Contiene adenovirus replicante». Gamaleya: «È uno stop politico»

Le autorità sanitarie brasiliane hanno bloccato nelle scorse ore l'approvazione del vaccino anti-Covid russo. L'Istituto Gamaleya non ci sta e difende i suoi protocolli di controllo e sicurezza.

BRASILIA / MOSCA - Il vaccino anti-Covid russo, lo Sputnik V, è utilizzato - stando a quanto fieramente riporta il suo account Twitter ufficiale - in 62 paesi. A questa lunga lista non si aggiungerà però il Brasile, che nelle scorse ore ha detto "niet" al siero prodotto da Mosca. Alla base del rifiuto c'è una segnalazione di Anvisa, l'Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria brasiliana, che avrebbe rilevato la presenza di «adenovirus capace di replicarsi» nel vaccino.

Il preparato sviluppato dall'istituto russo Gamaleya basa il suo funzionamento su adenovirus umani di tipo 5 e 26 inattivati, che esprimono la proteina "spike" del SARS-CoV-2. In parole semplici, il vaccino viene realizzato rimuovendo la maggioranza delle istruzioni contenute nel dna dell'adenovirus che vengono poi rimpiazzate con quelle necessarie alla creazione degli antigeni per il coronavirus.

Il problema - stando a quanto riportato sul blog scientifico "In The Pipeline", curato dall'esperto Derek Lowe e ospitato dalla rivista "Science" - sarebbe stato rilevato in tutti i campioni di vaccino analizzati dall'ente brasiliano. A finire nel mirino sarebbe quindi, nuovamente, il processo di produzione del vaccino russo e tutto il meccanismo responsabile di verificarne la qualità. E non si tratta di una novità. A Mosca è stata più volte "rimproverata" negli scorsi mesi una scarsa trasparenza nel fornire informazioni complete sui propri processi di produzione.

Mosca: «Uno stop politico»
Se da un lato il Brasile ne fa una questione puramente scientifica, per la Russia lo stop è invece del tutto «politico» e «non ha nulla a che vedere con l'accesso alle informazioni e ai dati scientifici da parte dell'ente» brasiliano. La risposta piccata dell'Istituto Gamaleya sottolinea pure come la posizione di Anvisa «contraddice la decisione precedente del Ministero della Scienza, la Tecnologia e l'Innovazione del Brasile» che «ha riconosciuto lo Sputnik V come un vaccino sicuro e ne aveva permesso la produzione in Brasile».

Gamaleya assicura inoltre che il team di Anvisa a Mosca ha avuto pieno accesso a tutta la documentazione e alle strutture in cui il siero viene prodotto. E ribatte anche sulla questione del presunto adenovirus replicante. La produzione dello Sputnik V deve sottostare a un «rigido protocollo» di verifiche sulla qualità e dai controlli effettuati l'agenzia russa conferma che «in nessun lotto di vaccino è mai stata rilevata la presenza di adenovirus competente per la replicazione»

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Bene!! Boicottare tutto ciò che è russo!! Plauso al Brasile 👏🏻👏🏻👏🏻
Ro 1 mese fa su tio
Se questa non è stupidità Questa è solamente sporca e alta irresponsabilità politica.
seo56 1 mese fa su tio
@Ro Questa è intelligenza non stupidità! Quella lasciala a chi acquista il vaccino russo!!
Heinz 1 mese fa su tio
@Ro Non hai nessun elemento per smentire quanto scoperto in Brasile. La reazione di Mosca denuncia il nervosismo di chi ha qualcosa da coprire. Già in Slovacchia c'erano lotti non conformi.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 11:43:27 | 91.208.130.86